Simon Kjaer chi è: Christian Eriksen, capitano, Danimarca, carriera

Il capitano della Danimarca è stato il primo a reagire allo svenimento improvviso del compagno di squadra nel match contro la Finlandia per l’Europeo.

Chi è Simon Kjaer

Simon Kjaer, nato a Horsens il 26 marzo del 1989, è un difensore centrale in grado di leggere il gioco e anticipare le intenzioni degli avversari. Una dote cui abbina ottime doti acrobatiche, una discreta rapidità e colpo di testa. Prerogative che gli hanno consentito di navigare ormai da lungo tempo nel calcio di alto bordo.

Di fronte a un evento improvviso, poche persone hanno la capacità di reagire rapidamente e in modo appropriato. Fortunatamente per Christian Eriksen, il suo compagno Simon Kjaer si è rivelato un soggetto con quel dono, un vero eroe. Il capitano della squadra danese ha compiuto una serie di azioni decisive dopo lo svenimento che il centrocampista dell’Inter ha subito durante la partita che la sua squadra ha giocato contro la Finlandia a Copenaghen per il girone B di Eurocup .

Erano passati 41 minuti dall’inizio del primo tempo quando Eriksen ha ricevuto la palla dal lato ed è subito caduto a terra. Il 29enne era immobile, senza reazioni, disteso a terra. Kjaer si accorse della gravità del caso e fu uno dei primi ad agire: fece cenno ai medici di entrare velocemente e praticamente si avventò sul corpo del compagno per cercare di liberargli le vie aeree e accomodarlo in modo che i professionisti potessero svolgere i loro compiti. senza indugio.

Simon Kjaer ha avuto un'azione eccezionale prima del crollo di Christian Eriksen nella partita tra Danimarca e Finlandia (REUTERS / Friedemann Vogel)

Nei minuti successivi, esercitando il suo ruolo di capitano, è stato l’unico giocatore danese che è rimasto accanto ai medici , attento alla situazione e alle loro azioni, mentre il resto dei calciatori ha formato una sorta di barriera attorno ad Eriksen per impedire che il le telecamere hanno ripreso ciò che stava accadendo. Il capitano non si è fermato un minuto per chiedere più assistenza e l’ambulanza.

In seguito, quando la moglie del calciatore irruppe sul campo di gioco con gesti preoccupati, fu lui ad avvicinarla per consolarla . Kjaer, insieme al portiere Kasper Schmeichel , si è avvicinato a Sabrina Kvist Jensen, che era scesa dagli spalti ed era entrata nell’erba, per abbracciarla e darle parole di rassicurazione mentre i professionisti si occupavano della sua compagna.

Le sue azioni sono riuscite a portare una certa tranquillità ad una squadra davvero sconvolta, preoccupata e piena di incertezze. Le lacrime hanno invaso i volti dei calciatori e altri hanno pregato, mentre alcuni si sono abbracciati in una sorta di reciproco conforto. Tutto questo accadeva nello stesso momento in cui i medici eseguivano attività di rianimazione cardiopolmonare (RCP).

Dopo alcuni minuti di massima tensione, incorniciati da un silenzio rotto solo da mormorii di preoccupazione che scendevano dagli spalti, i professionisti decidono di togliere dal campo Eriksen in barella. L’intervento d’urgenza aveva dato i suoi frutti: il calciatore era cosciente e in condizione di essere trasferito in ospedale per proseguire gli studi corrispondenti. C’era ancora Kjaer – il cui intervento è stato fondamentale – per accompagnarlo da vicino e per pronunciare alcune parole di incoraggiamento.

Kjaer ha incoraggiato Eriksen mentre veniva trascinato via dalla barella (REUTERS / Hannah Mckay)

Il capitano danese – che gioca per il Milan, il classico rivale della squadra in cui milita Eriksen – ha avuto abbastanza coraggio per, ore dopo, tornare in campo e giocare il resto della partita contro la Finlandia. Kjaer, sapendo che Eriksen era già cosciente e stabile in ospedale, ha dato un’altra dimostrazione di carattere ed è tornato in campo per finire il compito sportivo della giornata. Ha giocato fino al 18′ della ripresa, quando ha lasciato il posto a Jannik Vestergaard.

Infine, la Finlandia è emersa con la vittoria per 1-0. La Danimarca non è riuscita a mantenere i tre punti, ma ha preso molto di più: la tranquillità della condizione stabile di Eriksen e la certezza che in campo ha un Gladiator come Kjaer, un capitano in cui i suoi compagni possono sempre sostenere e fidarsi.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *