WhatsApp potrà essere controllato grazie a Paragon, nasce la startup a Tel Aviv


WhatsApp è una delle applicazioni di messaggistica se non la prima ad essere maggiormente utilizzata ormai da diversi anni. Non c’è una persona che non ha WhatsApp sul proprio telefonino e che non la utilizza per comunicare con amici e parenti. Adesso, sembrerebbe essere arrivata una novità per tutti gli utenti di WhatsApp. Nello specifico sembrerebbe che una società di Tel Aviv abbia trovato un modo di poter scavalcare la crittografia end-to-end. Ma in cosa consiste e cosa permette di fare? Facciamo un po’ di chiarezza.

WhatsApp, nuova società di Tel Aviv permette di scavalcare la crittografia end-to-end

Sembrerebbe proprio che in questi ultimi mesi, una società con sede a Tel Aviv abbia presentato una novità davvero straordinaria. Ovvero sembrerebbe che il software di una startup di sorveglianza che ha sede proprio al Tel Aviv nei prossimi mesi darà modo alla polizia di poter andare a violare a distanza le comunicazioni crittografate di messaggistica istantanea proprio come quelle di WhatsApp. Si tratterebbe quindi di un programma che darebbe ampio potere alle autorità di poter accedere all’applicazione di messaggistica crittografate tra cui anche WhatsApp.

Il nuovo programma si chiama Paragon

Questo programma che è stato presentato quindi in queste settimane e prenderebbe il nome di Paragon e avrebbe la capacità di andare a scovare le conversazioni su WhatsApp, su Facebook, Messenger, Gmail ed ancora Signal. In realtà questa startup sarebbe stata creata nel 2019 grazie ad alcuni finanziamenti e investimenti effettuati da alcuni finanziatori statunitensi. Ad ogni modo però è disponibile sui nuovi servizi on-line soltanto da pochissimo tempo. Questa nuova startup vanta ad oggi all’incirca 50 dipendenti LinkedIn. Secondo quanto riferito da un dirigente di Paragon, l’azienda sarà pronta a vendere i suoi prodotti di sorveglianza soltanto a tutti quei paesi che andranno a rispettare le norme internazionali e che soprattutto andranno a rispettare i diritti e anche le libertà fondamentali di tutti i cittadini.

Ma come funziona?

Secondo quanto dichiarato ancora dalla società, questo programma permetterebbe di accedere alle applicazioni di messaggistica istantanea su un dispositivo. Non sarebbero però in grado di effettuare il completo controllo di tutto il telefono. Si dice ancora che lo spyware di Paragon funzionerà in questo modo, ovvero hackerando le applicazioni di messaggistica utilizzando delle vulnerabilità che ad oggi sono comunque sconosciute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *