Alimenta il barbecue con alcol etilico, muore a 56 anni ustionata dalla violenta fiammata di ritorno

25

Una donna di nome Maria Diodati è morta ieri all’ospedale di Pisa per le ustioni riportate in un incidente domestico. Una donna di Popoli (provincia di Pescara) è morta ieri all’ospedale di Pisa per le gravi ustioni riportate in un incidente domestico. Maria Diodati aveva 56 anni. Secondo quanto riportato, si sarebbe ustionata accidentalmente il viso e altre parti del corpo venerdì scorso, 8 luglio, mentre accendeva un barbecue, gettando del liquido infiammabile sui carboni ardenti.

Il fratello l’ha accompagnata al pronto soccorso di un ospedale locale, dove è stata curata subito dopo l’incidente. I medici del Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale di Pisa hanno diagnosticato le sue condizioni come gravi e l’hanno trasferita d’urgenza. Le cause dell’incendio sono ancora in corso di accertamento e la Procura del Tribunale di Pisa sta decidendo se disporre l’autopsia. Il marito e le due figlie di Maria Diodati le sopravvivono. I suoi funerali si terranno la prossima settimana a Popoli, dove la Questura di Pisa darà il nulla osta per la sepoltura.

Nei giorni scorsi, un incidente simile si è verificato a Casoria, un comune in provincia di Napoli. Filippo Giuseppe Marzatico, 20 anni, è rimasto ustionato per aver tentato di alimentare un fuoco con l’alcol etilico; è stato poi trasportato all’ospedale di Frattamaggiore. Nonostante fosse intubato e considerato non in pericolo di vita, le condizioni del ragazzo sono peggiorate poco dopo il trasporto in ospedale. Il suo cuore ha poi smesso di battere.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.