Anthony Delon figlio Alain Delon


Tutti scrivono di Alain Delon e molto. A 75 anni è ancora una leggenda vivente del cinema francese, è un mito attorno al quale si intrecciano le storie più incredibili e improbabili. Non scrivono molto di Anthony Delon e la sua vita non suscita tanto interesse quanto quella di suo padre. È il figlio maggiore di Alain Delon e un attore come lui. I bambini non appartengono ai genitori, non sono i loro giocattoli, non sono una loro proprietà, non sono i loro doppi.

Anthony Delon ha la sua vita, ha avuto un’altra infanzia, un’altra educazione, altre opportunità, vive in un altro tempo e la pensa diversamente. Anthony odiava gli inevitabili paragoni con suo padre, ma ora si sente molto orgoglioso di appartenere alla dinastia Delon e seguire le orme del padre. Alain Delon è estremamente felice che i suoi figli vogliano praticare “la migliore professione del mondo” e che sia un modo per essere immortali. Alain Delon (1935, alto 1,82) ha incontrato la madre di Anthony in una discoteca e non è stato molto gentile con lei.

La ragazza si chiamava Francine Canovas (1941) ma in tutto il mondo sarà conosciuta come Natalie Delon. Viene dal Marocco, lavorava come cameriera e inspiegabilmente somigliava molto ad Alain Delon, pensavano addirittura di essere fratelli. La storia d’amore ha avuto i suoi alti e bassi e quando l’incostante Alain ha voluto dire la sua frase così nota alle donne: “arrivederci, bambola mia”, Natalie ha confessato con un sospiro di essere incinta. Alain aveva appena pubblicato il suo film “The Black Tulip” (1964) e aveva tra le mani un contratto firmato per lavorare negli Stati Uniti. Partì su una barca con la moglie incinta e un branco di cani che adorava.

Natalie, 23 anni, e Alain, che stava per compiere 29 anni, si sono sposati il ​​13 agosto 1964. Suo figlio Anthony Delon è nato a Los Angeles, in California, il 30 settembre dello stesso anno. I film che Alain ha recitato negli Stati Uniti non hanno avuto il successo sperato e la coppia ha deciso di lasciare Los Angeles e tornare a Parigi. Anthony aveva un anno quando mise piede per la prima volta sul suolo francese. I suoi genitori lo adoravano, era un bambino molto amato, coccolato e protetto.

Alain scoprì in lui un sentimento paterno sconosciuto e tutto il suo tempo libero lo trascorse con il figlio incantato. Non è facile essere la moglie di Alain Delon, non è facile ma è possibile condividere la vita con un uomo così adorato dalle donne, così famoso, così bello, ma con un donnaiolo e infedele la felicità è poca. Alain e Natalie Delon furono uno dei matrimoni più belli dell’epoca, furono ampiamente fotografati e girarono due film insieme.

La relazione è durata solo 5 anni. Dopo il divorzio dei suoi genitori, Anthony rimase con sua madre fino al 1973. Natalie Delon decide di vivere negli USA e il ragazzo si trasferisce a casa del padre. Essere una copia di qualcuno, anche una persona cara come tuo padre, non è una buona strada. Ciò che si eredita non viene rubato, ma ognuno ha il suo posto al sole che deve difendere. Anthony era un adolescente molto ribelle e Alain decise per le prestigiose scuole bilingue (francese-inglese) con una disciplina rigorosa come “Charlemagne Institute” e “Joinville-le-Pont” che avevano telecamere di sorveglianza e molto controllo.

All’età di 10 anni entrò nella scuola militare “Le Moncel” vicino a Parigi dalla quale fuggì camminando molti chilometri per tornare a casa. Dopo aver terminato gli studi al college, gli è stato assegnato il suo primo lavoro con la “Islands Records” fondata da Chris Blackwell e Anthony ha continuato a produrre i documentari fuori dalla Francia e persino in Nigeria. Tornato in Francia Anthony è stato arrestato dalla polizia alla guida di una “BMW” armata rubata. All’età di 18 anni fu privato della libertà per un mese a Bois d’Arcy.

È curioso che anche suo padre Alain Delon in gioventù abbia rubato un’auto e sia andato in prigione per 8 mesi. All’età di 19 anni, Anthony Delon apre un negozio di abbigliamento in pelle ed entra nel mondo dell’intrattenimento in discoteca. Nel 1984 alcune riviste francesi lo definirono “un uomo d’affari giovane, di successo ed esemplare”. Nel 1985, all’età di 21 anni, si trasferisce a New York e il fotografo Bruce Weber scatta le sue foto con Brooke Shields (1965) per la rivista “Life”. Un ragazzo così bello e che porta il cognome Delon non può passare inosservato. Il produttore italiano Alberto Lattuda lo ha invitato a Roma per lavorare al suo film “Une épine dans le coeur”.

Finora tutti pensano che il suo ruolo migliore sia stato nel film “Cronaca di una morte annunciata” (1986 “Chronique d’une mort annoncée” o “Cronaca di una morte annunciata”) di Francesco Rosi tratto dal libro dello scrittore colombiano Gabriel Garcia Márquez. Era accompagnato da un cast internazionale di lusso: Ornella Muti (1955), Lucía Bosé (1931), Irene Papas (1926), Rupert Everett (1959), ecc. Anthony Delon ha lavorato in 9 film e ha partecipato a diversi programmi televisivi e tre serie.

È un pilota professionista di auto da corsa e per 5 anni, dal 1993, si è dedicato alla partecipazione a competizioni internazionali. Gli piace recitare, produrre, scrivere, pratica la filosofia budista, difende la pace, la tolleranza e il rispetto per gli altri. Anthony Delon ha attualmente 45 anni, nel settembre 2010 compie 46 anni. Dopo aver avuto relazioni con Stéphanie de Monaco (1965), Valérie Kaprisky (1962) e Mathilde Seigner (1968), ha sposato nel 2006 la sua compagna di lunga data, poco appariscente e semplice Sofia Clerico. Anthony Delon dice che Sophie Clerico è la donna della sua vita e colei che lo comprende meglio, lo sopporta e, soprattutto, sa perdonare i suoi errori, che non sono pochi.

La coppia ha due figlie di 14 e 9 anni: Loup (04.02.1996) e Liv (25.08.2001). Vive tra gli Stati Uniti e la Francia, mentre suo padre è cittadino svizzero da 10 anni e dal 1983 vive nel cantone di Ginevra (Canton de Genève). Suo padre Alain Delon ha avuto una convivenza frustrata (1987-2001) con la modella olandese Rosalie Van Breemen (1966) di 31 anni più giovane, che lo ha lasciato per sposare Alain Afflelou nel 2002 (divorziato nel 2008).

Sembra che essere Alain Delon non fosse abbastanza per tenere al suo fianco una donna che aveva 2 anni in meno del figlio Anthony e che aveva bisogno di un’altra aria. “Con una differenza di età così grande era assurdo formare una coppia, ma ero eccitato da questo caldo freddo e sono andato controcorrente. Romy Schneider non ha mai lasciato il mio cuore ed è l’amore della mia vita”, – ha detto con rammarico Alain Delon . È stato aiutato a uscire dalla depressione acuta dai suoi tre figli: Anthony e due figli che ha avuto con Rosalie Van Breemen: Anouchka (1990) e Alain-Fabien (1994). È molto orgoglioso dei suoi tre figli e delle due nipoti che sono il suo più grande tesoro e il suo supporto emotivo a 75 anni. Anthony Delon non è come suo padre e non era il suo obiettivo essere il secondo Alain Delon.

È un bell’uomo dallo sguardo accattivante che indossa con orgoglio il marchio “Delon” in giro per il mondo. Anthony non è una copia di suo padre, non è il suo doppio, è un uomo con la propria vita e una carriera che gli è costata costruire basandosi su tanti sforzi. La sua presenza non provoca tanto trambusto come suo padre ma questo non lo preoccupa. I confronti tra un padre e un figlio, tra due persone di due generazioni molto diverse, saranno sempre fuori luogo. Anthony Delon è un uomo che si è guadagnato il suo nome, che sa combattere per ciò che vuole e proteggere i suoi sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *