“Cosa hai fatto?”: la telefonata tra il compagno e la donna che ha trovato morta di stenti la figlia

71

Alessia Pifferi, la donna di 37 anni accusata della morte della figlia Diana e il cui processo è iniziato il 7 marzo, avrebbe ricevuto una telefonata dal suo compagno Mario Angelo D’Ambrosio. I due si erano conosciuti due anni fa su una piattaforma, secondo quanto riportato dal quotidiano Il Giorno. L’uomo, un elettricista di Leffe (Bergamo), non è il padre della bambina.

L’uomo, 58 anni, ha detto agli investigatori che non era a conoscenza della gravidanza fino al parto della Pifferi. Durante la loro convivenza, lui sospettava che lei fosse incinta perché non aveva il ciclo e “aveva una pancia che continuava a crescere”. Tuttavia, lei gli ha giurato che non era incinta.

La donna ha raccontato agli investigatori che hanno lei e l’uomo hanno iniziato una relazione nel gennaio 2021. Fino alla nascita della figlia della donna, avvenuta alla fine dello stesso mese, i due convissuto tranquillamente a Leffe. La bambina e la madre sono rimaste all’ospedale di Bergamo per quasi due mesi. Poi l’uomo è partito. All’inizio di giugno i due hanno ripreso la loro relazione.

L’uomo ha raccontato che quando si è recato per la prima volta a Milano, c’era anche la bambina. Ma quando la donna andò a Leffe per il fine settimana, la bambina non c’era mai. Pifferi gli ha detto che era con la sorella Viviana o con una baby sitter, che non è mai esistita. D’Ambrosio ha detto che la donna sosteneva di non voler portare con sé la bambina perché così poteva “respirare e sentirsi più libera”.

Dopo essere tornata a casa, la donna, che aveva portato la figlia Diana a Milano per una settimana, ha trovato la bambina morta. Dopo aver chiesto aiuto a un vicino di casa e aver chiamato il personale del 118, che ha potuto solo dichiarare il decesso di Diana e allertare la Squadra Mobile di Milano, la donna ha chiamato il suo amante, D’Ambrosio. Lui le avrebbe risposto dicendo: “Cosa hai fatto? La baby sitter l’ha sentita?”. Dopodiché l’avrebbe rimproverata per non averla portata con sé.

La polizia ha scoperto che non era la prima volta che la donna lasciava la figlia da sola a casa. Una volta fermata, la donna avrebbe detto alla polizia di essere “una brava mamma”, aggiungendo poi di sapere che avrebbe potuto morire. La polizia ha trovato una bottiglia mezza vuota di benzodiazepina accanto alla culla in cui è stato trovato il corpo della bambina.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.