Cristiano Malgioglio vicino alla morte, la malattia che l’ha quasi ammazzato


In questo ultimo periodo la vita di Cristiano Malgioglio è stata molto movimentata. Ovviamente, l’artista non ha certo bisogno di visibilità, Infatti Cristiano ha scolpito pagini molto importanti nell’ambito è la musica e lo spettacolo italiano.

Dobbiamo dire telefono ultima apparizione al Grande Fratello vip e le sue ospitate alle diverse trasmissioni televisive in quest’ultimo periodo gli hanno Renato Maggiore visibilità.

Nella vita artistica di un personaggio ci sono sempre alti e bassi, la carriera non è sempre rose e fiori. Anche perché il cantante ha dovuto subire ed affrontare delle problematiche molto gravi, che hanno interrotto volte il suo percorso artistico. In un’intervista rilasciata poco tempo fa da Francesca Fialdini nel programma: ‘Da noi a ruota libera‘. Cristiano Malgioglio ha detto

“Stavo per andare in Brasile a fare la promozione di ‘Mi sono innamorato di tuo marito’ quando, mettendo la crema dopo la doccia, ho visto un neo che non mi piaceva e sono andato subito a farlo vedere”, ha raccontato Cristiano svelando poi tutto l’iter ed il processo innescato proprio dal suo medico.

“Mi ha detto che bisognava toglierlo subito. Così abbiamo fatto ma dopo tre giorni mi hanno chiamato dicendo che dovevo operarmi, annullare tutti i programmi. Il professore mi ha spiegato che se avessi atteso ancora due o tre mesi non avrei fatto in tempo a operare e mi sarebbero restati cinque mesi di vita, ho avuto paura, al mattino mi guardavo allo specchio e piangevo”, le parole amare ma anche molto sincere di Malgioglio.

Un Piccola intervista a Cristiano Malgioglio

Mina, Dori, Milva, Iva, Orenella, Loretta, Giuni, Raffaelle, Marcella… Io mi sono innamorato perdutamente delle voci di queste vincenti.

D. Parliamo di Milva, allora? R. «Con Milva il pezzo che mi è piaciuto di più c stato Delitto e castiga, che incendio, che presenza scenica!».

D. Ma lei con i maschi, nict? R. «A parte Amanda Lear (ride. ixlr). Ma io mi sono innamorato delle voci delle donne».

D. E delle donne? R. «Mi faceva impazzire Claudia Mori, non Eternai baciata, ma la guardavo rapito c mia madre mi diceva: “Ecco, mi piacerebbe che ti sposassi con la Mori’’. Poverina… E elle dovevo dire a mia madre?».

D. Qualche lite mitica? R. «Litigato, non tanto, con me non attacca. .Anche con Nicoletta (Patty Pravo, ndr). che non è una semplice, ho lavorato molto c bene. E pure simpatica. E matta. Con lei ho fatto un pezzo intitolato lo che ano e ricordo che nel testo lei aveva messo una “E” di congiunzione: per quel lo aveva preteso di firmarlo pure lei.

Vede la pazzia?».D. Ma di mtte chi è la migliore? Mina?
R. Rita Pavone, non me ne vogliano le altre, ma io penso che sia la più completa, con lei e con Giuni ho pure fatto Un triangolo d’amore».

D. Lei è tremendo, lo sa?

R. «No. sono un frastornato dell’amore, tutti i mici testi sono frastornati, ho sofferto molto».

D. Gli inizi come sono stati?

R. «Tremendi, per me e per Fabrizio De Andre».

D. Scusi?

R. «Lo tormentavo, lo svegliavo alle cinque del mattino, l’ho fatto diventare matto, finche lui non ha avuto il coraggio di ascoltare le mie canzoni e mi ha detto: “Vieni con me a Milano”. Sono finito vicino alla stazione in un albergo a ore. In qualche modo, però, sono arrivalo alla Durium. la casa discografica c fi ho incontrato Dori Ghezzi, il mio angelo, è stata la prima a cantare le mie canzoni frastor nate… Sa, allora andavano di moda Orietta Berti e Finché la barca va. Una sera le dico: “Devo chiamale Fabrizio de André”. Siamo andati insieme nel suo studio di registrazione: è cominciata questa grande storia d’amore, che la moglie di Faber non mi ha mai perdonato».

D. In quel periodo lavorava anche per la Goggi C la Vanoni.

R. «Con I .oretta, che era già una diva e lavorava in tv. Ho fatto Un ‘emozione. Con Omelia ho fatto da Wagon Ut ad Amore mio. Ora ci siamo visti a casa di Dori ed c stata scorbutica, m’ha detto: “Basta, è ora di finirla con questa Mina, t’ho visto a X Factor c parlavi solo di Mina”. Ornella sono andato a sentirla fino in Brasi le… Ma io penso sempre a Mina, perché Mina può dire tutto quello che vuole: Mina faceva la casalinga a Carosello e ti faceva morire d’amore. Perù, devo ammettere che tutte sono o sono state donne vincenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *