Delitto Garlasco: Chiara Poggi la vittima, chi è Alberto Stasi, dinamica, condanna, movente, tomba

Delitto Garlasco, quanti anni aveva Chiara quando è stata uccisa? A distanza di tanti anni che cosa si sa effettivamente di questo delitto che ha sconvolto L’Italia intera? Chi è Alberto Stasi ovvero colui che è stato condannato per essere stato l’omicida della giovane Chiara Poggi?

Delitto Garlasco, cosa sappiamo dell’omicidio di Chiara Poggi

Nel delitto di Garlasco il comune in provincia di Pavia purtroppo ha perso la vita a Chiara Poggi una giovane studentessa. Questo delitto è avvenuto il 13 agosto del 2007 quando Chiara Poggi è stata uccisa mentre si trovava nella sua casa di Garlasco un comune di oltre 9000 abitanti che si trova in provincia di Pavia. La vittima aveva 26 anni ed era nata il 31 marzo 1981.

Giuseppe Pozzi è il padre di Chiara mentre la madre si chiama Rita preda. Il giorno dell’omicidio della figlia Giuseppe e Rita non si trovavano in casa ma insieme al figlio maschio erano andati in montagna in vacanza. Il fratello della vittima si chiama proprio Marco ed ha un amico Andreache pare fosse molto spesso a casa sua e per questo motivo implicato nelle indagini del delitto che si è consumato nella villetta di Garlasco. L’amico durante le vacanze di Natale del 2016 si sarebbe trovato iscritto nel registro degli indagati per l’omicidio del giovane Chiara Poggi.

La dinamica dell’omicidio

In realtà ad essere condannato poi è stato Alberto Stasi. Lui ha dichiarato la sua innocenza riguardo il delitto avvenuto nelle villette di via Pascoli. A conclusione del rito processuale a suo carico nel processo di appello B del 17 dicembre 2014 Alberto è stato condannato a 16 anni di reclusione da scontare presso il carcere di Bollate a Milano. Inizialmente pare che Alberto fosse stato condannato a 24 anni di reclusione per omicidio volontario pena che poi è stata ridotta grazie al rito abbreviato. La giovane è stata uccisa con un colpo inferto con un oggetto contundente. Questo non è stato però mai identificato anche se si presume si sia trattato di un martello.

Il delitto, le notizie ad oggi ?

La tomba di Chiara Poggi si trova oggi presso la cappella del cimitero di Pieve albignola un piccolo comune che si trova sulle sponde del po tra Sannazzaro e Pavia.”Perché ho deciso di parlare oggi? Per dare un senso a questa esperienza perché certe cose non dovrebbero più accadere. Se una persona vive delle esperienze come quella che ho vissuto io questa deve essere resa pubblica, a disposizione di tutti, e visto che ho la possibilità di parlare lo faccio, così che le persone capiscano, possano riflettere e anche decidere, voglio dire, se il sistema che c’è va bene oppure se è opportuno cambiare qualche cosa”. Queste le parole di Alberto. 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.