Domenico in fin di vita a 4 anni per un batterio, appello della mamma: “Infettato in ospedale, Aiutateci”

22

Il mio bambino ha bisogno di cure specialistiche e possono diagnosticare la morte cerebrale. Vi prego, aiutatemi”, dice Ambra Cucina, madre di Domenico.

Secondo Ambra Cucina, Domenico, un bambino siciliano di 4 anni prossimo alla morte a causa di un batterio killer che gli ha invaso il cuore e i reni, stava bene quando è stato ricoverato. Tuttavia, in ospedale lo hanno infettato con quell’infezione che ora lo sta uccidendo.

Secondo l’Ansa, la donna ha scelto di rivelare pubblicamente la tragedia del suo bambino nel tentativo di ottenere giustizia. La donna ha fatto riferimento all’ospedale in cui il figlio era stato curato per un disturbo intestinale. Secondo la donna, i batteri hanno attaccato il bambino con conseguenze mortali. Nessun bambino dovrebbe essere costretto a subire quello che ha subito lui, ha detto. L’ospedale pediatrico di Taormina sta lavorando duramente per tenerlo in vita, mentre il San Marco di Catania lo ha infettato con la stessa malattia che lo sta uccidendo, secondo l’Ansa.

Secondo il suo racconto, la situazione è iniziata il 29 giugno quando il giovane ha accusato vomito e diarrea, e la madre lo ha portato al pronto soccorso di un ospedale di Catania il giorno successivo. Tuttavia, è stato rimandato a casa, dicendo che si trattava di un semplice virus intestinale. A questo punto il piccolo stava ancora male, così i genitori lo portarono nuovamente in ospedale con la stessa conseguenza. La notte successiva, al San Marco di Catania, è stato inserito un tubo, dopo aver notato alcuni valori anomali. Le condizioni del bambino sono quindi peggiorate. È stato quindi trasferito al Policlinico di Catania, dove dopo ulteriori esami è stato trasportato a Messina, dove è stata accertata la presenza di Enterococco in tutti gli organi.

Secondo la donna, che da allora è rimasta accanto al letto di morte di suo figlio e non è disposta a ritirarsi, l’infezione viene contratta soprattutto negli ospedali: “Finché il cuore di mio figlio batterà, non mi arrenderò e continuerò a fare giustizia”, dice la donna. Dopo l’aggravarsi della situazione a livello cerebrale, Domenico è stato trasferito all’ospedale di Taormina, dove rimane in condizioni molto gravi.

Dopo tre arresti cardiaci, i medici sono riusciti a ripristinare tutti gli organi danneggiati. Gli organi sono guariti e non sono più infetti. Secondo la TAC effettuata dai medici, il paziente presenta un edema cerebrale, ma non si sa quale sia la causa. I medici hanno deciso di eseguire un esame completo per verificare se c’è ancora attività, secondo Ambra Cucina. Finché il suo piccolo cuore batterà, non spegnerò la macchina di supporto vitale”, ha detto. Chiedendo aiuto, ha detto: “Voglio che qualcuno capace e competente curi mio figlio”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.