Finge di impiccarsi per fare uno scherzo alla fidanzata, ma muore davvero

18

Philip Burns, 36 anni, è morto dopo aver tentato di fare uno scherzo alla sua ragazza fingendo di impiccarsi. Le indagini della polizia hanno rivelato che il cappio era diventato troppo stretto e gli ha impedito di liberarsi, causando la sua morte per asfissia. La coppia aveva guardato American Horror Story in TV prima dell’incidente. Ora sono stati resi noti i dettagli dell’incidente. Per spaventare la fidanzata, Michelle Delahunty-Evans, Burns voleva fingere di impiccarsi.

Secondo il Daily Mail, la donna si è voltata dopo aver cantato davanti alla televisione nella casa della coppia per vedere Philip appeso alla porta del soggiorno. La polizia è arrivata troppo tardi per soccorrerla. Secondo il Daily Mail, i due avevano bevuto “un bel po’” e si erano “divertiti” a Carlisle, poi erano tornati nella loro casa in città, dove stavano “scherzando, facendo gli stupidi”. Michelle ha detto all’udienza che la donna era in uno stato mentale alterato e sotto shock dopo essere stata trovata dalla polizia. Il signor Burns è stato trovato in possesso di quantità eccessive di alcol e tracce di cocaina nel sangue. Si è concluso che la causa della morte non è il suicidio, ma piuttosto uno scherzo finito male. Nicholas Shaw ha escluso il fattore suicidio.

Inizialmente si presume che una persona trovata impiccata si sia suicidata. Philip non ha precedenti di problemi di salute mentale o di autolesionismo. Quella sera era fuori a divertirsi. È raro che qualcuno si suicidi quando si trova nella stessa stanza con un’altra persona, quindi trovo difficile credere che si sia tolto la vita. Dato che stavano giocando, credo che sia stata una cosa che ha fatto lui e che non è andata a buon fine.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.