Forte dei Marmi, russi e ucraini condividono le stesse spiagge (e nessuno parla di guerra)

23

Negli ultimi mesi, quando è scoppiata la guerra in Ucraina, si temeva che non avremmo più visto le orde di turisti russi che per decenni hanno villeggiato a Forte dei Marmi, in Versilia, acquistando non solo ville e alberghi da mille e una notte, ma di tutto. Ma sono ancora lì, nonostante tutto.

Al Forte tutti vivono in una piccola bolla: invasori, invasi e sanzionatori. Mauro Martignani, proprietario dello stabilimento balneare La Fenice, in un’intervista a La Repubblica, ha dichiarato: “Ho dovuto iniziare a dire di no perché avevo il tutto esaurito”. Ci sono molti clienti abituali e alcuni nuovi. Ci sono 15-20 famiglie russe e 6-7 famiglie ucraine. I clienti non parlano della guerra, anche se una cliente mi ha detto che i suoi amici ucraini stanno soffrendo e che non rivelano altro”.

«Mangiano e bevono come sempre»

Secondo Fabio Giannotti, direttore di Alpemare, resort di lusso dove il bagno di Andrea Bocelli costa anche 500 euro al giorno, e Riccardo Di Giovanni, proprietario del Gilda (tende da 120-200 euro e ristorante aperto tutto l’anno), dove “la cena sembra una sfilata di moda”, non tutti parlano della loro presenza. Alcuni ucraini hanno pianto quando sono arrivati all’inizio di marzo, pensando alle loro famiglie. La gente mangia e beve come al solito, e alcuni chiedono di essere seduti a un tavolo. Altri dicono di essere presenti, ma appaiono meno.

Anche con gli avanzati standard di segretezza della Fortezza, ci sono state alcune eccezioni, come Oleg Tinkov, un magnate russo che è stato recentemente ospite dell’Enoteca Marcucci di Pietrasanta. La Datcha, il suo resort in Versilia, è attualmente alle prese con conti bancari che sono stati congelati. Tinkov si è apertamente opposto a Putin e ha donato 50.000 euro ai rifugiati ucraini in Versilia dopo essere stato accolto all’Enoteca Marcucci. Anche chi si oppone a Putin teme che “l’aggressione non gli permetterà più di vivere come gli occidentali o di viaggiare”, secondo il proprietario dell’albergo. I bonifici arrivano da Mosca (previa verifica bancaria) e le carte di credito funzionano (“perché chi è qui ha conti all’estero”, spiega).

Nonostante la richiesta del presidente ucraino Volodymyr Zelensky di non far salire i russi sui loro yacht, i russi continuano a visitare il Forte. I bagni, località della Versilia che ospitano cabine russe, sono al centro delle polemiche. Nella località toscana di Forte dei Marmi, dove un tempo vivevano famiglie storiche come gli Agnelli e i Moratti, le cose sono diverse. Da oltre 20 anni, queste spiagge e lo stile di vita italiano sono controllati da oligarchi, politici e amministratori delegati. Da quando i primi oligarchi, politici e amministratori hanno scoperto queste spiagge, esse sono diventate popolari. Il numero di persone che vi si recano è quindi minimo.

Sono circa 500 le famiglie, tra russi e ucraini, che risiedono o frequentano stabilmente Forte dei Marmi, Camaiore e le Colline di Massarosa. Dimitri Kuzmin presiede l’associazione Russkaya Versilia, che le rappresenta. Ora vivono a Forte dei Marmi, acquistando ville, ristoranti e alberghi. Ancorano i loro yacht davanti alle spiagge, scendono a mangiare spaghetti alle arselle e acquistano Cristal nelle boutique del centro, dove si contendono borse da 30.000 euro. Nonostante la guerra in Ucraina, la loro presenza non è cambiata, secondo diversi negozi del centro (come Gucci e Prada). Tuttavia, alcuni sostengono che “ci sono, ma sono meno visibili”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.