Hai capito chi è Carla Marchini sorella di Simona Marchini


Come la sorella, Carla Marchini ha intrapreso la strada del mondo dello spettacolo. Tuttavia, ha concentrato il suo lavoro sui bambini. Ecco chiè.

Carla Marchini è la sorella minore di Simona Marchini, nota attrice e conduttrice televisiva. Carla ha intrapreso una carriera nel mondo dello spettacolo, impegnandosi soprattutto in teatro, su vari fronti. In tre decenni di onorata carriera ha creato e ideato più di 50 spettacoli, di cui ha sempre curato i costumi e spesso anche le scenografie, perseguendo la sua missione di educazione e formazione del pubblico giovane. Proviamo a conoscerla meglio – dall’infanzia formativa, costellata di incontri con personaggi di straordinaria caratura, al presente – senza risparmiarci un piccolo salto nella sfera privata.

Carla Marchini: la biografia

La data di nascita di Carla Marchini è introvabile, ma sappiamo che fin da piccola ha avuto il privilegio di frequentare il mondo dell’arte e della cultura. Nel 1959 il padre fondò una galleria che divenne La Nuova Pesa, che lei avrebbe poi diretto come direttore artistico. Ha sviluppato un gusto per il bello e ha ereditato dal padre uno spiccato senso del mecenatismo. Ha avuto il privilegio di dialogare con personaggi di caratura internazionale, tra cui De Chirico, Guttuso, Magni, Montaldo, Moravia, Pasolini, Petri, Rossellini, Scola, Ungaretti e Zurlini.

Nel 1991 ha iniziato a occuparsi di teatro per l’infanzia e la gioventù, nonché di educazione e alfabetizzazione teatrale rivolta a bambini, ragazzi e adulti. È fondatrice e direttrice artistica del Centro Culturale Talia di Roma, dove ha creato dal nulla uno spazio pensato per i più piccoli: una sala da 99 posti. Lo spazio è destinato ai giovani spettatori ed è caratterizzato da un’attenzione ai colori nell’arredamento che serve come primo passo verso l’educazione al bello e al gusto.

Sono stati premiati i seguenti spettacoli: Bulli e bambole; Cappuccetto Rosso; Catarina dei burattini; Cenerentola; Che pasticcio il capitano; Eppur si muove…; Il flauto magico; Il folletto ciabattino; Il pesce rosso; Il piccolo principe; Il principe felice; L’Odissea; Nel regno di Re Riciclo; Pinocchio; Re Tordo; Tre omini nel bosco; Turandot; Un fantasma per Natale.

Carla Marchini: la vita privata

Da giovane aveva pochissimi amici. Viveva da sola e il suo unico compagno era il gatto. In un certo senso, questo si riflette nel suo stile di scrittura: non parla quasi mai di sé o della propria vita, preferendo concentrarsi sulla vita degli altri. Si dice che abbia due figli, uno dei quali – il figlio Federico – è a sua volta un noto artista. Anche la nipote è un’artista e vive a New York con il marito e il figlio. Non ha account sui social media e non sembra avere alcuna affiliazione pubblica. I suoi fan si interrogano spesso sull’origine del suo nome: alcuni dicono che derivi dalla parola “l’amare”, che in italiano significa “amare”; altri sostengono che sia stato ispirato da un personaggio del famoso film Titanic. Tra gli artisti che hanno collaborato con lei si ricordano in primo luogo Franco Mescolini – il professore di cinese nel film Il mostro di Roberto Benigni – e Davide Caprelli e Alessandro Cercato, entrambi musicisti. In origine il Teatro Le Maschere era un supermercato abbandonato e fatiscente: con molta fantasia è riuscito a farlo rifiorire, trasformandolo in un luogo magico per il divertimento di tutti i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *