La storia di Ferzan Ozpetek chi è: età, dove è nato, moglie, figli, fratello, dove abita

Ferzan Özpetek è nato a Istanbul nel 1959. Nel 1976 decide di trasferirsi in Italia per studiare Storia del Cinema all’Università La Sapienza di Roma. Ha completato la sua formazione frequentando corsi di storia dell’arte e costume design presso l’Accademia Navona. Ha inoltre frequentato corsi di direzione d’orchestra presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico.

Dopo aver maturato esperienze teatrali con il Living Theatre di Julian Beck, si è spostato nel panorama cinematografico, lavorando come assistente alla regia di Massimo Troisi, Maurizio Ponzi, Ricky Tognazzi, Sergio Citti e Francesco Nuti. Il suo primo lavoro è stato come assistente alla regia di Troisi per Scusate il ritardo, seguito da Sono contento di Ponzi, dove ha avuto un piccolo ruolo nel ruolo di ” madonnaro “.

Il suo debutto alla regia è stato con Hamam, una coproduzione italiana, spagnola e turca. Il film, uscito nel maggio 1997, è stato presentato alla 50a edizione del Festival di Cannes alla Quinzaine des Realisateurs. Il film è stato presentato in altri festival internazionali e venduto per la distribuzione in più di 20 paesi in tutto il mondo.

Nel 1999 dirige Harem Suare, ambientato nella sua terra natale, la Turchia, raccontando la tormentata storia d’amore tra la favorita del sultano, Safiye, e l’eunuco Nadir, con la caduta dell’Impero Ottomano sullo sfondo. La storia è stata scritta dallo stesso Özpetek in collaborazione con Gianni Romoli, che ha anche prodotto il film con Tilde Corsi e la sua casa di produzione R&C. Il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard del Festival di Cannes, così come al London Film Festival e al Toronto International Film Festival.

Nel 2001, Özpetek ha diretto Le fate ignoranti (Le fate ignoranti), con Margherita Buy e Stefano Accorsi, un dramma dolce e facile da vedere sull’omosessualità e i legami e l’amicizia di vari tipi di estranei. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui tre Golden Globe e quattro Nastri d’Argento.

Facing Windows ( La finestra di fronte ) è stato rilasciato nel 2003. È interpretato da Giovanna Mezzogiorno, Raoul Bova, Filippo Nigro e Massimo Girotti, in quella che si è rivelata la sua ultima performance cinematografica. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui: cinque David di Donatello, quattro premi Ciak d’Oro e tre Golden Globe. Il successo del film in Italia e nel resto d’Europa ha portato Sony Pictures Classics a distribuirlo in Nord America.

Ancora una volta, insieme ai produttori Gianni Romoli e Tilde Corsi, nel 2005, Özpetek ha diretto Cuore Sacro, che ha ricevuto 12 nomination ai David di Donatello, dove Barbora Bobuľová ha vinto il premio come migliore attrice. Il film ha anche vinto il premio per il design di produzione.

Il suo film successivo, Saturn in Opposition, è uscito nel 2007. Presentava un cast molto ricco: Pierfrancesco Favino, Luca Argentero, Isabella Ferrari e Ambra Angiolini, ma anche Margherita Buy e Stefano Accorsi con cui ha lavorato prima, ne Le fate ignoranti. Il film ha vinto quattro Ciak d’oro, cinque Golden Globe e quattro Nastri d’Argento. Angiolini, al suo debutto come attrice, ha vinto il David di Donatello come migliore attrice non protagonista.

Nello stesso anno, Özpetek fa parte della giuria della 64a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.  Ha anche diretto spot pubblicitari, tra cui una pubblicità per AIRL (l’associazione italiana per la ricerca sul cancro) con Isabella Ferrari.

Nel 2008, Özpetek ha concluso la sua partnership con i produttori Romoli e Corsi, e ne ha iniziata una nuova con Domenico Procacci e la sua azienda Fandango. Inoltre, per la prima volta, ha iniziato a lavorare su un film che non era basato sulla sua idea originale della storia. Il film è tratto da un romanzo scritto da Melania Gaia Mazzucco intitolato Un giorno perfetto. L’omonimo film è interpretato da Isabella Ferrari e Valerio Mastandrea ed è stato presentato alla 65° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Ha incassato 3 milioni di euro al botteghino.

Nel 2008, il Museum of Modern Art di New York City gli ha dedicato una retrospettiva, proiettando tutti i suoi film. È stato uno dei pochi registi italiani a ricevere questo onore.

Nell’aprile 2009 ha diretto un cortometraggio dal titolo Nonostante tutto è Pasqua, un segmento del progetto L’Aquila 2009 – Cinque registi tra le macerie, in cui diversi registi hanno affrontato temi legati a L’Aquila 2009. terremoto. Il corto di Özpetek è stato dedicato ad Alessandra Cora, aspirante cantante morta tra le macerie della sua casa.

Il suo prossimo film Loose Cannons è uscito nel 2010. È stato scritto in collaborazione con Ivan Cotroneo e interpretato da Riccardo Scamarcio, Alessandro Preziosi, Nicole Grimaudo ed Ennio Fantastichini. È una commedia sui problemi familiari di una casa a Lecce. Questo è uno dei pochi film che Özpetek ha ambientato fuori Roma, una città molto vicina al suo cuore. Il 22 maggio 2010 il Comune di Lecce ha dichiarato Özpetek cittadino onorario.

Il film è stato presentato fuori concorso alla 70a Berlinale e al Tribeca Film Festival 2010, ottenendo un riconoscimento speciale da parte della giuria.

Nel 2011 gli è stato chiesto di dirigere “La traviata” di Giuseppe Verdi all’Opera di San Carlo, e si è esibito nel dicembre 2012, con Carmen Giannattasio e Saimir Pirgu. Girato per la TV da Unitel Classica, e Pal DVD uscito nella società italiana CG Entertainment (2015).

È stata una pura coincidenza: la Palma d’Onore al regista turco Ferzan Ozpetek e la Palma d’Oro al lungometraggio The Announcement, film dell’altrettanto turco regista Mahmut Fazil Coskun, una commedia sarcastica sulla linea dei fratelli anche pungenti e taglienti Aki Kaurismäki o Coen. “I film devono uscire dal cuore“, ha detto Ozpetek alla Fondazione Bancaja, un giorno prima che gli venisse consegnato il premio per la sua carriera cinematografica. L’Annuncio, secondo la giuria della Mostra che si è chiusa con un gala al Teatro Principal, utilizza “uno stile comico e assurdo per spiegare una storia audace e attuale”.

Altrettanto audaci e attuali sono le storie che Ozpetek racconta nei suoi film: “Parto sempre da ciò che so”, ha detto. E quello che sa molto bene, essendo nato in Turchia e stabilitosi in Italia, è la tensione causata dalle differenze culturali e sociali, sia a causa del suo status di immigrato che della sua dichiarata omosessualità. “Facciamo il lavaggio del cervello con le nostre paure“, ha detto a proposito di quella differenza sessuale che solleva sempre nel suo lavoro e di cui è esaustivo: “Non voglio avere figli perché mi sembra una grande responsabilità, ma l’importante è che crescano bene, al di là della sessualità dei genitori; ciò che conta è il suo cuore”.

Ferzan Ozpetek (Istanbul, 1959) ha già vinto il Premio del Pubblico alla Mostra de València per il suo film Hamam, il bagno turco (1997) (“la mia vita è cambiata con quel film”), anche se è stato con La fata ignorante (2001) con cui ha raggiunto il successo in Italia: “Il film ha riunito due mondi che sembravano lontani“. I mondi di una donna, Antonia (Margherita Buy), che scopre, dopo la morte del marito, di aver mantenuto una doppia vita relazionandosi con un altro uomo, alterando la sua percezione dell’esistenza.

Ha continuato a riferirsi alle fate in seguito: “Credo molto nelle fate che cambiano le cose in meglio. Spero sempre che le fate vengano a dirmi cosa devo fare”, ha detto, riferendosi al modo in cui concepisce un film. È successo con Hamam, il bagno turco (“eravamo nove persone, pochissime, ma c’era un’energia molto forte”) e continua ad accadere ogni volta che inizia a rotolare senza un obiettivo chiaro: “Non penso mai di dover trasmettere un messaggio. Racconto le cose che mi piacciono, senza alcuna preparazione”.

Felice per il premio assegnatogli dalla Mostra, Ozpetek si riferiva ai suoi film come ai piatti di cibo o alle opere d’arte che uno ha apprezzato e vuole condividere con altre persone, mentre manca per la loro ripercussione: “Quando mi fanno i complimenti, penso che parlino di qualcun altro”. Come quando un alto rappresentante dell’industria cinematografica in Italia espresse il suo apprezzamento: “Gli ho detto, mi hai citato tra i grandi, e lui ha risposto: lo sei”.

In questo senso, il direttore di Rosso Istanbul ha espresso il carattere dissociato della sua personalità: “Ci sono Ferzan e Ozpetek, e negli anni ho avvicinato entrambe le persone. Ancora non ci credo”, che ci sono così tante persone in Italia che amano i suoi film. E il regista di Ozpetek si è subito rimesso dalla parte di Ferzan come persona: “Il cinema è molto importante, il successo, la fama, ma ci sono anche la tua vita e i tuoi amici, e questa è la cosa più importante”.

Come sua madre è stata molto importante: “Era una donna molto bella”, ha sottolineato, con la copertina del libro Rosso Istanbul in cui appare il volto di profilo di sua madre da giovane. Ha ricordato una chiamata da lui, dalla Turchia, in cui voleva semplicemente dirgli che non c’era niente di più importante dell’amore: “E lo penso davvero”. Ha anche raccontato l’aneddoto di come a scuola un insegnante ha affermato che i greci e gli armeni avevano fatto del male ai turchi, e sua madre si è fatta avanti giorni dopo per rimproverare che l’odio era stato insegnato in classe. “Quell’insegnamento è stato molto presente nella mia vita”, per sottolineare di seguito: “Crescere con una mente aperta verso gli altri aiuta molto, ti farà anche soffrire, ma meglio così”.

Ozpetek ha ripreso i due temi principali dei suoi film: l’immigrazione e la diversità sessuale. “Ognuno di noi dovrebbe sentirsi straniero dove si trova, per capire meglio l’altro. La verità non è mai da una parte. Non tutto è bianco, non tutto nero”. E si è riferito a se stesso come a un regista turco in Italia: “Ora mi dicono che sono un regista turco, come se volessero spingermi via”. La stessa cosa osserva nel campo della sessualità: “Prima c’era una libertà che stiamo perdendo. C’è uno strano cambiamento ed è per questo che devo tornare su questo nel mio prossimo film”. “Complichiamo eccessivamente le cose intervenendo nella sessualità degli altri”, ha detto.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.