La storia di Mino Raiola chi è: età, patrimonio, moglie, carriera, figli, biografia, causa morte e malattia

In Europa c’è l’élite del calcio e ci sono due rappresentanti che hanno segnato un prima e un dopo, uno di loro è il portoghese Jorge Mendes e l’altro Mino Raiola, un super agente morto questo sabato, 30 aprile 2022 all’età di 54 anni.

Carmine Raiola, noto come Mino, era originario di Nocera Inferiore, italia, dove è nato il 4 novembre 1967, anche se si è trasferito un anno dopo nella città olandese di Haarlem con i suoi genitori.

Mino ha avuto un periodo come calciatore, poiché ha iniziato a giocare nelle accademie dell’HFC Haarlem, ma ha lasciato nel 1987 quando aveva 18 anni per gestire la squadra giovanile, dopo essere andato alla Facoltà di Giurisprudenza.

Come agente di calcio ha iniziato a trasferire diversi giocatori famosi come Bryan Roy a Foggia nel 1992; Marciano Vink a Genova nel 1993; Wim Jonk e Dennis Bergkamp all’Inter nel 1993 e Michel Kreek al Padúa nel 1994. Anche se in seguito ha lasciato l’agenzia di promozioni sportive e ha iniziato come indipendente trasferendo Pavel Nedved alla Lazio, dallo Sparta Praga.

Raiola aveva un portafoglio di 72 giocatori e due allenatori, di cui spiccava il messicano Hirving Lozano, con il quale ha firmato da quando era al PSV e lo ha portato al Napoli della Serie A italiana nel 2019 per un trasferimento record in quel momento di 40 milioni di euro.

Tra i giocatori che si sono distinti dal suo portafoglio c’erano Zlatan Ibrahimovic (AC Milan), Paul Pogba (Manchester United), Erling Haaland (Borussia Dortmund), Matthijs de Ligt (Juventus), tra gli altri.

Solo un uomo come Jorge Mendes di Gestifute può eguagliare la sua copertura mediatica, che è l’agente di Cristiano Ronaldo, così come elementi della statura di Keylor Navas, James Rodríguez o Radamel Falcao.

I giocatori più importanti che sono stati rappresentati da Mino Raiola

  • Erling Haaland
  • Matthijs De Ligt
  • Gianluigi Donnarumma
  • Paolo Pogba
  • Marco Verratti
  • Stefan de Vrij
  • Hirving Lozano
  • Moise Kean
  • Ryan Gravenberch
  • Donyell Malen
  • Marcus Thuram
  • Alessio Romagnoli
  • Denzel Dumfries
  • Henrikh Mkhitaryan
  • Owen Wijndal
  • Konstantinos Manolas
  • Myron Boadu
  • Calvin Stengs
  • Justin Kluivert
  • Alfonso Areola
  • Zlatan Ibrahimovic
  • Mario Balotelli
  • Xavi Simons
  • Blaise Matuidi

Aveva un carattere speciale, diverso, ma vicino al massimo quando si riusciva a superare la barriera dell’ignoranza. Ha infranto molte delle regole del calcio. Gli importava poco di chi gli stava di fronte. Ha seguito la sua tabella di marcia. Se doveva presentarsi a una riunione in pantaloncini e infradito, lo faceva. È stato Mino Raiola, personale e non trasferibile, lo stesso che ha saputo resistere alla stessa FIFA e che i suoi colleghi lo consideravano il leader.

Una pizzeria

Tutto è iniziato in una pizzeria di Haarlem, la città dove la sua famiglia è emigrata e che è stata fondamentale per la crescita di una figura nel mondo del calcio. Una pizzeria di famiglia è diventata il centro nevralgico, ma quello che pochi sanno è che stava prendendo di mira un giocatore di football ad Haarlem. Ben presto si spostò dall’altra parte, quella della gestione sportiva della suddetta squadra.

Il contatto con i giocatori si moltiplicò fino a far apparire i primi giocatori importanti, con i quali associò Rob Jansen, attualmente consigliere di Ronald Koeman. Ci sono due calciatori che hanno segnato la sua carriera. Uno di loro è Ibrahimovic e l’altro Paul Pogba.

Con lo svedese acquisì una notorietà che ancora gli resisteva. Serviva come biglietto da visita per quello che era Mino Raiola. La sua grande capacità era quella di portare e spostare il giocatore da una squadra all’altra, ma ottenendo sempre condizioni migliori per l’attaccante. Gli incontri con il Barcellona per l’addio di Ibrahimovic sono stati segnati in quello che da quel momento in poi ha significato un prima e un dopo degli appuntamenti ai massimi livelli.

Il Real Madrid

Con il Real Madrid aveva anche i suoi vantaggi e svantaggi per il suo modo di intendere il business, ma negli ultimi anni il rapporto si era normalizzato. Il dialogo è stato costante con José Ángel Sánchez e il peccato è che se ne vada senza fare quello che voleva: molto con il Real Madrid

Con Paolo Pogba ha segnato un libro di stile di quella che è la gestione di un talento. Poco dopo essere arrivato al Manchester United a soli 18 anni, l’agente ha rischiato il suo capitale comprando la libertà di Pogba. Il centrocampista ha finito per firmare per la Juve in cambio di una parte del futuro trasferimento essendo suo. E così è stato con il ritorno del francese allo United in cambio di 114 milioni di euro.

Più di 100 giocatori

L’elenco dei giocatori che erano attualmente sotto la sua tutela supera i cento. Consacrato come Donnarumma, possibili stelle come Gravenberch e, soprattutto, la sensazione del momento Erling Haaland. Con il norvegese, per mano del padre del giocatore, è riuscito a scrivere la sua ultima grande opera, un capolavoro per molti.

Raiola sapeva già cosa aveva quando ha firmato un calciatore spigoloso che ha stupito tutti nello stampo norvegese, segnando gol come se nulla fosse accaduto. Molte squadre hanno chiesto a quell’attaccante che lo stava rompendo, ma Raiola è stato molto chiaro sul fatto che la sua prossima squadra sarà una stazione di passaggio.

Ha scelto il Borussia Dortmund, che ha pagato 20 milioni di euro quando altre squadre hanno pagato di più, ma lo ha fatto in cambio dell’accettazione da parte del club tedesco di una clausola di uscita due anni dopo il suo arrivo. Lo ha chiuso a 75 milioni di euro, correndo dei rischi, ma sapendo che Haaland avrebbe lasciato in nulla quella somma di denaro. E così è successo, il norvegese ha moltiplicato il suo valore, ma il prezzo di partenza lo ha lasciato per l’eternità Mino Raiola. Gioco principale. Ora l’attaccante e suo padre sceglieranno una destinazione e sicuramente con uno stipendio stellare quello che l’agente italiano ha visto quando è andato a trovarlo in Norvegia per la prima volta.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.