Michael Schumacher: Cosa gli è successo e cosa si sa del suo stato di salute?

Il 3 gennaio 2013, Michael Schumacher ha compiuto 53 anni e più di 8 anni dello sfortunato incidente sugli sci che gli ha tagliato la vita. Dall’essere il pilota più vincente nella storia della Formula 1, oggi si sa poco dello stato di salute di “Schumy”, a causa della segretezza della sua famiglia e delle scarse possibilità che recuperi la salute e persino la mobilità.

Il 29 novembre 2013, è stato riferito che l’ex pilota Ferrari aveva subito un grave incidente nelle Alpi francesi mentre sciava nella località di Meribel. Quando è caduto, ha battuto la testa contro una roccia e ha subito danni cerebrali permanenti.

Il pilota tedesco è stato portato in elicottero in ospedale per stabilizzarlo ed è stato successivamente portato all’ospedale universitario di Grenoble, dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico due volte. È rimasto lì per sei mesi in coma, fino a quando non si è svegliato nel giugno 2014.

Da allora, la famiglia Schumacher ha deciso di rimanere in silenzio fino a settembre 2021, quando Netflix ha pubblicato un documentario che racconta i loro successi come professionisti e la sfortuna dopo l’incidente.

Nel 2021, il neurologo Erich Riederer ha approfondito un po ‘di più su quale fosse la situazione dello stato di salute di Schumacher: “Penso che sia in uno stato vegetativo, il che significa che è sveglio ma non risponde. Stai respirando, il tuo cuore batte, probabilmente puoi sederti e fare piccoli passi con l’aiuto, ma non di più. Penso che questo sia il massimo per lui. C’è qualche possibilità di vederlo com’era prima del tuo incidente? Davvero non credo“.

“Naturalmente mi manca Michael ogni giorno, ma non sono solo io a sentire la sua mancanza: i bambini, la famiglia, suo padre, tutti quelli che lo circondano. A tutti manca Michael, ma Michael è qui. Diversamente, ma è qui e questo ci fa trovare la forza“, ha detto sua moglie nel documentario.

I dettagli dell’incidente

Le indagini post-incidente hanno rivelato che “Schumy” ha lasciato l’area sciistica contrassegnata e ha perso l’equilibrio prima di colpire una roccia. Quando i servizi di emergenza sono arrivati per curarlo, era stordito ma cosciente.

Nella sua prima operazione è stato curato per un “trauma cranico con coma che ha richiesto un intervento neurochirurgico immediato“, ma la prognosi sulla sua vita è stata compromessa. Alla fine è uscito dal coma nel giugno 2014 prima di essere trasferito in Svizzera, prima all’ospedale di Losanna e poi a casa sua.

Olivier Fourcade, un istruttore della stazione sciistica di Méribel, dice che Shumacher è stato sorpreso da una pietra e completamente sbilanciato. Ma il pilota indossava sul suo casco una videocamera GoPro che al momento del colpo è stata agganciata prima allo sci e poi ha forato il casco.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.