Niki Lauda non ha mai voluto che suo figlio Mathias fosse un pilota (per una buona ragione)

Per Mathias Lauda, figlio di Niki Lauda, la patente di guida è uscita per una fortuna. Nonostante sia il figlio di una delle più grandi leggende della F1, non ha mai sentito il bug della velocità fino a quando non ha guidato per la prima volta l’auto della scuola guida. Il motivo? Niki Lauda aveva lavorato duramente per impedire alla sua progenie di affezionarsi al motorsport. “Mio padre mi ha sempre detto che non avrei preso una macchina da corsa o una figa in tutta la mia vita, che non mi avrebbe lasciato. Volevo che studiasse e conducesse una vita normale. E immagino che, fin da quando ero piccolo, ti stia minando e togliendo l’illusione”, ci ha detto anni fa a Barcellona, dove viveva l’attuale pilota della resistenza.

È relativamente normale per i piloti di Formula 1, che conoscono i problemi delle corse e il rischio mortale che comporta, cercare di impedire ai loro figli di seguire le loro orme. Ma nel caso di Niki Lauda, quello sforzo è stato ancora maggiore. E l’austriaco aveva un’ottima giustificazione per la sua testardaggine: aveva vissuto nella sua stessa carne la bevanda di essere sul punto di morire bruciato dalle fiamme nella sua auto nell’agosto del 1976.

È successo al Nürburgring, in una mattina in cui il circuito tedesco era più verde che mai. La storia è ben nota, le immagini sono state viste mille volte. Durante il secondo giro del Gran Premio, l’austriaco perse il controllo della sua vettura a più di 200 km/h e si schiantò contro il muro. Con l’auto già in fiamme, fu colpita dalla Surtees-Ford dell’americano Brett Lunger. Solo il rapido intervento di altri piloti lo fece uscire vivo dalla trance, anche se subì gravi ustioni che gli deformarono parzialmente il viso.

Niki Lauda e James Hunt

Quell’anno, Niki Lauda stava camminando con il suo Ferrrari attraverso i circuiti, ma il tragico incidente segnò un punto di svolta che permise a James Hunt di superarlo nel campionato del mondo per giocarlo finalmente con la faccia da cane nelle terre giapponesi. Quella Coppa del Mondo del 1976 fu, forse, la migliore della storia, la sceneggiatura del film sul motorsport perfetto. È stato realizzato da Ron Howard ed è stato un successo. In Rush,un daniele imperiale Ha interpretato il pilota austriaco. Lauda, con molta riluttanza, gli permise di fargli visita per preparare il giornale. “Ricordo il primo giorno in cui ho parlato con lui. Mi chiamò a restare, mi invitò ad andare a Vienna e disse: ‘Porta solo il bagaglio a mano, perché se non ci capiamo puoi tornare direttamente indietro’, dichiarò in seguito Daniel, che gli disse, ricordando uno dei tratti più notevoli della personalità di Lauda: non aveva mai i peli sulla lingua e non andava mai in giro con mezze misure. Brühl ha anche ricordato la sua famosa meticolosità: durante le riprese, Lauda lo ha costretto a togliersi la fede nuziale, che non ha mai indossato.

Lauda alla fine perse quella Coppa del Mondo, ma la storia ne aveva altri due in serbo per lui, uno l’anno successivo e un altro dopo essere tornato in Formula 1 dopo il suo ritiro. Un ritiro che aveva molto a che fare con le condizioni di vita rischiose che i piloti soffrivano in quel momento. Normale che non volesse che suo figlio si dedicasse alla corsa, che provasse con tutti i mezzi che non lo facesse e che non lo sostenesse mai con la sua notevole fortuna. “Penso che sia un po’ ingiusto. Quando avevo più bisogno dei suoi consigli e dei suoi soldi non c’era, e ora che le cose stanno andando meglio per me, è troppo coinvolto”, ci ha detto Mathias. “E sai come sono i genitori. Hanno sempre ragione”.

Niki e Mathias Lauda

Anche così, Mathias ha sempre avuto un immenso affetto per suo padre. “Lo vedo più come un secondo fratello, parliamo di tutto, usciamo a festeggiare insieme, attacchiamo le stesse ragazze, a volte si arrabbia anche con me perché ne porto via un po'”, ci ha detto una decina di anni fa. Dopotutto, e nonostante lo sforzo di suo padre al contrario, Mathias ha sviluppato una brillante carriera nel motorsport e attualmente compete nel campionato mondiale endurance per Aston Martin. Suo fratello, Lukas, è ora il suo manager.

Ieri, all’età di 70 anni, la luce di Andreas Nikolaus “Niki” Lauda si è spenta. La sua seconda vita era finita, quella iniziata dopo il fatale 1 agosto 1976 in cui stava per perderla. Era un pilota cervello, un campione che ha cambiato per sempre la F1, uno dei primi a preoccuparsi della sicurezza nelle corse, un uomo d’affari e un padre devoto. Normale che non vorrebbe che suo figlio Mathias gareggiasse nel motorsport. Riposa in pace.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *