Non pagano il parcheggiatore abusivo e vanno al bar: al ritorno trovano i vetri spaccati

83

Dopo essersi recati in un bar di Lago Patria, a Napoli, ieri sera intorno alle 22.15, due persone hanno trovato i vetri dei più finestrini della loro auto in frantumi. L’incidente è avvenuto nei pressi di un noto bar della zona. È impossibile provare che i due episodi siano collegati, ma fenomeni del genere sono frequenti. L’ultima volta era toccato a un giovane in via Generale Orsini, nel quartiere Chiaia, dover fare i conti con i vetri rotti dopo aver rifiutato il pagamento da parte di un parcheggiatore abusivo.

Ieri sera, verso le 22.15, davanti a un bar di Lago Patria, due fratelli hanno parcheggiato la loro auto di tre mesi e sono stati avvicinati da un parcheggiatore abusivo che ha preteso il pagamento prima di lasciare il loro veicolo. I fratelli si sono rifiutati e sono entrati nel bar per prendere un caffè; quando sono tornati pochi minuti dopo, hanno scoperto che il vetro del più finerino era stato rotto e che tutti i vani all’interno dell’auto erano stati aperti e lasciati in disordine, nonostante non fosse visibile nulla all’interno dell’auto.

In molti hanno raccontato ai due ragazzi che non è la prima volta che accadono episodi del genere nella zona, sempre a seguito del rifiuto di pagare i parcheggiatori abusivi che, come in tutta Napoli, “pattugliano” le zone più frequentate soprattutto nei fine settimana. I protagonisti di questa vicenda hanno denunciato il fatto a Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, che ha diffuso le foto dell’accaduto sul web e ha poi commentato: “Per i delinquenti travestiti da parcheggiatori abusivi bisogna agire con severità, devono stare in galera senza cauzione, l’unica misura per estirpare questo cancro.”




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.