Paul Newman, 20 curiosità sull’uomo più bello della storia del cinema


Oggi sono passati 12 anni da quando gli occhi azzurri più famosi di Hollywood si sono chiusi per sempre. Paul Newman, che oggi avrebbe 95 anni, ha lasciato un segno indelebile come uno dei più grandi attori di tutti i tempi e, senza dubbio, il più bello.

Quasi un secolo dopo la sua nascita, rimane senza rivali quando si tratta di bellezza maschile. Un’attrattiva che non capisce l’orientamento sessuale. Accanto a Brad Pitt, il nome di Paul Newman è sempre la risposta quando a un eterosessuale viene chiesto con quale celebrità dello stesso sesso avrebbe una relazioneHa anche vinto, con la maggioranza, il sondaggio che NIUS ha preso un anno fa sugli uomini scomparsi più sexy del ventesimo secolo, davanti ad altri mitici “Adone” come Marlon Brando o James Dean.

La sua leggenda del sex symbolè stata forgiata negli anni ’60 con Brando o Robert Redford. Nei suoi oltre 50 film ha interpretato e trionfato in tutti i generi. Sapeva fare altrettanto bene come rubacuori, detective, gangster, hustler, cowboy, giocatore di biliardo … e corteggiare e baciare le donne più desiderate di Hollywood, come Liz Taylor, Sofia Loren, Eva Marie Saint o Elke Sommer.

Tuttavia, la sua vita non è stata segnata da scandali, storie d’amore o dipendenze che di solito accompagnano le grandi star del cinema. Paul Newman era un uomo intelligente, impegnato e ammirato da tutti, e uno di quegli attori che per i loro meriti sono diventati eterni.

20 cose eccezionali di Paul Newman

  1. Il suo vero nome è Paul Leonard Newman. La sua famiglia era di origine polacca e ungherese e aveva un negozio di articoli sportivi nel Connecticut, di cui Paul doveva occuparsi prima di diventare un attore.
  2. Fu espulso dall’Università dell’Ohio, il suo luogo di nascita, per cattivo comportamento e arruolato nella Marina per tre anni.
  3. Studiò economia ma non si interessò mai agli affari di famiglia. Nel 1951 iniziò a studiare recitazione in una nota scuola di Yale e, in seguito, al famoso Actors Studio, dove erano presenti anche Marlon Brando e James Dean.
  4. All’inizio della sua carriera, il pubblico lo paragonava a Marlon Brando, e l’attore arrivò a dire che aveva firmato 500 autografi fingendosi lui. Alcuni registi sostenevano che Newman fosse un attore migliore, ma che essere “così bello” aveva giocato contro di lui. Sotto queste linee, entrambi gli attori sul set di Snakeskin, un film in cui Brando ha recitato con Joanne Woodward.
  5. Si sposò due volte. Il grande amore della sua vita fu la sua seconda moglie, Joanne Woodward, che incontrò nel musical di Broadway Picnic in cui entrambi si esibirono. Con lei ha avuto 3 figlie e ha trascorso cinquant’anni, un caso insolito a Hollywood. Non si è mai separato da lei. Quando gli è stato chiesto del segreto della loro relazione, ha risposto: “Non lo so, penso che getti qualcosa nel mio cibo”. Era anche solito dire: “Perché esco a prendere gli hamburger quando ho una bistecca a casa ogni giorno?”
  6. Ebbe 6 figli in totale. Prima di Joanne Woodward, tra il 1949 e il 1957 fu sposato con Jackie Witte con la quale ebbe un figlio e altre due figlie. Sotto queste righe, con una di loro, Susan.
  7. La sua reputazione di “uomo perfetto” era così incredibile che c’è chi ha parlato del suo amore per l’alcol per sfuggire ai problemi e di una presunta e torrida relazione con una giornalista, Nancy Bacon, che se vera, non ha alterato il suo solido matrimonio con l’attrice Joanne Woodward, secondo il critico hollywoodiano Shawn Levy nella sua biografia dell’attore.
  8. Era quella che oggi potremmo chiamare una femminista. Ha dato parte del suo stipendio a Susan Sarandon nel film Twilight (1998), come rivelato dall’attrice, notando che è stata pagata meno dei protagonisti maschili, lui stesso e Gene Hackman.
  9. Era anche un grande sostenitore del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Prova ne è che ha cercato di portare al cinema una versione del romanzo Of The front runner, di Patricia Nell Warren, che racconta la storia d’amore tra un runner e il suo allenatore.
  10. È sempre stato molto impegnato in cause caritatevoli, a cui avrebbe donato in totale più di 500 milioni di dollari. Ha fondato lo Scott Newman Center for Drug Victims dopo che suo figlio Alan Scott è morto di overdose all’età di 28 anni.
  11. Nel 1999, Newman ha donato 250.000 dollari ai rifugiati in Kosovo e anche i suoi contributi alle cause ambientali erano frequenti. Nel 1978 ha rappresentato il suo paese davanti all’ONU alla Conferenza sul disarmo. Nel 1990 è stato nominato “padre dell’anno” dall’UNICEF e nominato come candidato a governatore del Connecticut dal deputato democratico Benjamin de Zino.
  12. Democratico e oppositore della guerra del Vietnam, il suo attivismo politico lo portò ad essere incluso nella famosa lista nera dei nemici di Nixon durante il Watergate.
  13. Ha combinato il cinema con il suo amore per la velocità. Era veramente appassionato di corse automobilistiche, finendo secondo sul leggendario circuito di Le Mans nel 1979.
  14. Dopo aver visitato il famoso ristorante Chasen’s a Hollywood e aver trovato un’insalata troppo oleosa, ha deciso di creare la sua azienda di alimenti naturali, Newman’s Own, che vende diverse salse culinarie, pizze e persino cibo per cani. Tutti i proventi (stimati in 200 milioni di dollari nel 2006) vanno in beneficenza. Aveva anche un ristorante ecologico chiamato spogliatoio.
  15. Ha tre Oscar: l’Humanitarian Award nel 1994, l’Honorary Award nel 1985 e il Best Actor Award nel 1986 per il film The Color of Money di Martin Scorsese. Non ne raccolse nessuno perché pensava che fossero “in ritardo”. Ed è che prima è stato nominato sette volte per film come The Hustler (1961) o La leggenda dell’indomito (1967) o Il gatto sul tetto di zinco (1958).
  16. Nel 1969 recita in Due uomini e un destino con Robert Redford, che diventerà il suo migliore amico fino alla fine della sua vita e con il quale gira anche Il colpo di stato nel 1973.
  17. La sua prima grande occasione arrivò con Marked By Hate (1956). Realizzò poi opere tra le più importanti della storia del cinema, come il già citato Il gatto sul tetto di zinco (1958) con Elizabeth Taylor, La città di fronte a me (1959) e due film con la moglie, Joanne: Un marito in difficoltà (1958) e La lunga e calda estate (1958). Altri suoi film mitici sono Sweet Bird of Youth (1962) o Samantha, anche se la consacrazione definitiva fu nel 1966 con Harper, investigatore privato e Hitchcock’s Torn Curtain, con Julie Andrews. Senza dimenticare La leggenda dell’indomito (1970) e Il colosso in fiamme (1974). Oppure titoli memorabili degli anni ’80 e ’90 come Final Verdict (1982), The Hustler (1986), The Color of Money (1986), con Tom Cruise o At Sunset (1998).
  18. Oltre ad essere un attore, Paul Newman ha diretto diversi film come Rachel, Rachel (1968), per il quale ha vinto il Golden Globe; Invincible Caste (1976) o Harry and Son (1984), alcuni dei quali con la moglie Joanne Woodward nel cast, con ottime critiche e nomination.
  19. Non ha mai nascosto la sua dipendenza dal tabacco e lo ha persino sfruttato sullo schermo quando i suoi effetti dannosi non erano ancora noti. L’attore aveva smesso di fumare 30 anni prima che gli venisse diagnosticato un cancro ai polmoni, all’inizio del 2008, quando aveva appena festeggiato il giubileo d’oro con la moglie. Ha subito un trattamento di chemioterapia, ma non ha funzionato bene per lui. Decise di trascorrere i suoi ultimi mesi con la sua famiglia e gli amici intimi, nella sua fattoria del Connecticut, fino alla sua morte nel settembre dello stesso anno.
  20. La sua ultima apparizione cinematografica è stata nel film d’animazione Pixar Cars, dove ha doppiato uno dei personaggi e ha dimostrato ancora una volta la sua passione per le auto. L’attore Ethan Hawke dirigerà un documentario sulle vite di Paul Newman e Joanne Woodward, autorizzato dalla famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *