Mikhail Gorbaciov morto: chi era e cosa ha fatto? Biografia, carriera e vita privata


Mikhail Gorbaciov, morto il 30 agosto 2022 all’età di 91 anni, è stato l’ultimo segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica dal 1985 al 1991. Durante la sua carriera politica, sostenne e promosse i processi di riforma del comunismo con l’obiettivo di rendere un sistema socialdemocratico. A lui si devono termini come perestrojka (ristrutturazione) e glasnost’ (trasparenza) che hanno caratterizzato la sua attività politica, rendendolo protagonista della successione di eventi storici e politici che hanno portato alla dissoluzione dell’URSS e alla riunificazione della Germania, nonché artefice della bene della Guerra Fredda. Nel 1989 è stato insignito della Medaglia Otto Hahn per la Pace; nel 1990 ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace.

Ecco cosa dovresti sapere su Mikhail Gorbaciov, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica prima del suo scioglimento, morto a Mosca all’età di 91 anni.

Data di nascita: 2 marzo 1931

Luogo di nascita: Privolnoye, Russia, Unione Sovietica

Nome di nascita: Mikhail Sergeyevich Gorbaciov

Padre: Sergei Andreyevich Gorbaciov

Madre: Maria (Gopkalo) Gorbaciova

Matrimonio: Raisa (Titarenko) Gorbacheva (1953-20 settembre 1999, sua morte)

Bambini: Irina

Istruzione: Università statale di Mosca, Facoltà di giurisprudenza (1955), Istituto agricolo di Stavropol, Facoltà di economia (1967)

Fatti divertenti

Ha vinto un Grammy Award.

Questo è il modo in cui Gorbaciov ha risposto come vorrebbe che la storia lo giudicasse0:30

Cronologia della vita di Gorbaciov

1952 – Entra a far parte del Partito Comunista dell’Unione Sovietica e lavora in vari incarichi nel partito per i due decenni successivi.

1955-1958 – Nominato primo segretario del Partito Comunista del Comitato Municipale di Stavropol Komsomol.

1963 – Nominato capo del dipartimento dell’agricoltura della regione di Stavropol.

1970-1978 – Nominato primo segretario del Partito Comunista nella regione di Stavropol.

1970-1990 – Deputato del Soviet Supremo, il più alto organo legislativo dell’Unione Sovietica.

1971 – Diventa membro del Comitato Centrale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica.

11 marzo 1985 – Eletto Segretario Generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica. In questa posizione, è effettivamente il leader dell’URSS.

1985-1988 – Partecipa a una serie di colloqui al vertice con il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan.

1987 – Firma il Trattato sulle forze nucleari intermedie con gli Stati Uniti per limitare le armi nucleari.

1989 – Annuncia il ritiro delle forze sovietiche dall’Afghanistan.

1989-1990 – Presidente del Soviet Supremo.

1990 – Eletto presidente dell’URSS.

1990 – Vince il Premio Nobel per la Pace per aver contribuito a porre fine alla Guerra Fredda.

21 dicembre 1991 – L’URSS viene sciolta e viene formalmente costituita la Comunità degli Stati Indipendenti.

25 dicembre 1991 – Si dimette da presidente dell’URSS.

1992-oggi – Fondatore e Presidente della Fondazione Internazionale per gli Studi Socio-Economici e Politici (Fondazione Gorbachev)

1993-2000 – Fonda e ricopre il ruolo di presidente di Green Cross International, un’organizzazione ambientale.

1996 – Si candida alle elezioni in Russia, ma riceve solo l’1% dei voti.

24 novembre 2001 – Viene eletto presidente del Partito socialdemocratico russo.

8 febbraio 2004 – Vince un Grammy Award per il miglior album di parole parlate per bambini, per “Prokofiev: Peter and the Wolf/Beintus: Wolf Tracks”. Condivide il premio con Sophia Loren e l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton.

Maggio 2004 – Si dimette dal Partito socialdemocratico russo a causa di conflitti con la leadership e la leadership del partito.

Gennaio 2006 – Insieme a un socio in affari, Gorbaciov acquista il 49% delle azioni del quotidiano indipendente Novaya Gazeta.

Agosto 2007 – Appare negli annunci stampati per la pelletteria Louis Vuitton.

Ottobre 2007 – Diventa leader di un nuovo movimento politico russo, l’Unione dei socialdemocratici.

19 settembre 2008 – Riceve la Medaglia della Libertà 2008, assegnata ogni anno dal National Constitution Center, presieduto dall’ex presidente degli Stati Uniti George HW Bush.

Novembre 2009 – Partecipa alle cerimonie a Berlino in occasione del 20° anniversario della caduta del muro di Berlino.

2 marzo 2011 – Nel giorno del suo 80° compleanno, Gorbaciov riceve la più alta onorificenza russa, l’Ordine di Sant’Andrea, dal presidente Dmitry Medvedev.

7 marzo 2013 – In un’intervista alla BBC, Gorbaciov critica il presidente russo Vladimir Putin, dicendo: “Per l’amor di Dio, non dovresti aver paura della tua stessa gente”.

26 maggio 2016 – L’Ucraina bandisce Gorbaciov dopo aver mostrato sostegno all’annessione della Crimea da parte della Russia.

26 gennaio 2017 – Scrive un articolo per la rivista Time dal titolo “Sembra che il mondo si stia preparando alla guerra”, in cui afferma che il problema più urgente che dobbiamo affrontare è “la militarizzazione della politica e la nuova corsa agli armamenti”.

4 dicembre 2018 – In un editoriale del Washington Post sull’intenzione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di ritirarsi dal trattato INF, firmato da Gorbaciov e Reagan nel 1987, Gorbaciov e l’ex segretario di Stato americano degli Stati Uniti, George Shultz, scrivono che abbandonando il trattato “minaccia la nostra stessa esistenza”.

1 pensiero su “Mikhail Gorbaciov morto: chi era e cosa ha fatto? Biografia, carriera e vita privata

  1. Ora tutti gli ipocriti occidentali elogeranno Gorbacev , dimenticandosi del colpo di stato effettuato con la collaborazione in primis degli USA, che ha dato il potere all’amante dell’alcool Jelzin,e dimenticandosi di tutti gli accordi e le promesse fatte dagli occidentali subito dopo la caduta del muro, che sono state pienamente da loro disattese portandoci all’attuale guerra in Ucraina e preparandoci ad una nuova guerra mondiale. Alviar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.