Rimini, papà ha un malore e muore annegato mentre fa il bagno con la figlia

18

Un uomo di 45 anni, di origine senegalese, è annegato mentre faceva il bagno con la figlia dopo un’emergenza medica sconosciuta. I tentativi di rianimazione non hanno avuto successo.

Un uomo è morto ieri pomeriggio sulla spiaggia Kennedy di Igea Marina (Rimini), poco prima delle 15. La polizia sospetta che sia stato colpito da una barca mentre nuotava. È l’ultima di una serie di tragedie marittime lungo la costa adriatica. L’uomo, un 45enne di origine senegalese, stava facendo il bagno con la figlia quando pare sia annegato.

Subito dopo l’incidente, l’uomo è stato soccorso dai bagnini e da un’auto medica. Tuttavia, i soccorritori, che comprendevano personale medico del 118 e un’ambulanza, non sono riusciti a salvare la vita dell’uomo, che è morto a causa di problemi cardiaci. Sul posto è intervenuto anche il personale dell’Autorità Portuale. Si ritiene che l’uomo, già malato di cuore, sia stato colto da malore mentre era in acqua.

La morte di Igea Marina è avvenuta otto giorni prima, a poche centinaia di chilometri a sud di Fano, dove Davide Zandri e suo figlio di otto anni sono morti mentre nuotavano. Nonostante i bagnini avessero alzato le bandiere rosse per avvisare le persone di non fare il bagno a causa del mare pericoloso, Davide Zandri e suo figlio sono annegati mentre nuotavano con un altro dei suoi figli, due sopravvissuti che sono stati salvati dai soccorritori.

È stato lanciato l’allarme nella mattinata di sabato 9 luglio dopo il ritrovamento del corpo di Zandri, 44enne originario di Mondavio e residente a Calcinelli di Colli al Metauro, operaio della Profilglass di Bellocchi di Fano. Nonostante i tentativi di rianimarlo, Zandri era deceduto. Enzo Maggi, presidente dell’associazione Maredentro, ha salvato Luca, il figlio maggiore, ma non è riuscito a salvare il figlio minore, che è stato scoperto ore dopo e non è stato soccorso.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.