Sapete chi è Amanda Lear la sua storia: Età, carriera, Marito, fidanzato o compagno, figli e vita privata


Controcopertina è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Amanda Lear, cantante e personaggio televisivo, è considerato da molti una delle ultime dive viventi. La sua voce roca è stata notata per la sua influenza sulla disco music, che ha contribuito a rendere popolare in Italia negli anni Settanta. Pur vivendo da 40 anni vicino a Saint-Rémy-de Provence, nel sud della Francia, non riconosce più la società francese e ammette di aver avuto una certa responsabilità nel plasmare questa realtà attraverso le sue dichiarazioni ambigue sulla sessualità.

La relazione tra Salvador Dalí e Amanda Lear non era convenzionale. Lui aveva sessantuno anni quando si incontrarono, una moglie e l’amata Gala più anziane di lui; lei ha condiviso la loro relazione con i due amanti. Dalí chiamava Amanda Lear “il mio angelo”. La relazione tra i due durò se anni, frutto di un’incredibile affinità mentale e spirituale.

Successo come modello e musa ispiratrice di Dalí

All’inizio del 1965, Lear iniziò a lavorare per Catherine Harle, a capo di una delle agenzie di modelle più famose d’Europa. Amanda Lear fa la sua prima apparizione come modella per Paco Rabanne a Parigi .  Lear divenne molto ricercata e subito dopo fu fotografata da Helmut Newton , Charles Paul Wilp e Antoine Giacomoni per riviste come Elle , Marie France e Vogue . Allo stesso modo, ha iniziato a partecipare a sfilate di importanti stilisti come Yves Saint Laurent e Coco Chanel a Parigi, Mary Quant, Ossie Clark e Antony Price a Londra. Amanda Lear ha iniziato a lavorare come modella a tempo pieno pur continuando a vivere a Swinging London negli anni ’60. È diventata una “sostenitrice del demi-monde londinese”

Mentre era in un club parigino, incontra il pittore surrealista Salvador Dalí , autoproclamatosi “l’enfant terrible” dell’arte. ” Ufficialmente ” nel 1965 , Amanda Lear incontrò Dalí al nightclub Le Castel . Un articolo di Julián Ruiz su El Mundo è illustrato da una foto del 1963 dei due protagonisti. Le fonti rivelano che Dalí aveva effettivamente incontrato Amanda Lear (come Peki d’Oslo ) al cabaret Carrousel de Paris .

Altre fonti rivelano che Dalí aveva incontrato Lear in un cabaret a Barcellona : il New York , appartenente alla catena Ferrer e situato in Calle Escudellers a Barcellona [ citazione necessaria ]. Dalí non solo è stato colpito dall’aspetto di Amanda Lear, ma anche dalla loro affinità spirituale: il loro stretto rapporto non convenzionale è già stato descritto come un “matrimonio spirituale”. Lear iniziò a viaggiare con lui e sua moglie ogni estate. Durante questi viaggi, Dalí le ha mostrato i musei d’Europa, i saloni di Parigi e della Spagna, mentre lei gli ha insegnato arte, moda, fotografia e musica a Londra. Ha posato per alcuni dei lavori di Dalí, ha partecipato a molti dei suoi progetti cinematografici ed è stata al suo fianco durante le conferenze stampa e gli incontri con i media, eventi che spesso si sono trasformati in spettacoli con Lear come figura centrale. Dal 1967 al 1970, Lear ha partecipato a diversi film. Nel 1973 si fotografa per la copertina dell’album For Your Pleasure .di Roxy Music. La foto mostra un vestito nero attillato mentre tiene il guinzaglio di una pantera nera.

Amanda iniziò una relazione con Dalí come protetto e compagno, sebbene non fossero coinvolti sentimentalmente; era sposato con Gala e lei è stata coinvolta con Brian Jones dei Rolling Stones , poi per circa un anno con David Bowie e più brevemente con Bryan Ferry . Ha posato per la copertina dell’album For your Pleasure dei Roxy Music (1973). Nel 1979 Amanda avrebbe sposato un aristocratico, Alain-Philippe Malagnac, che era stato l’amante e l’insolito figlio adottivo dello scrittore Roger Peyrefitte .

Chi è il nuovo fidanzato di Amanda Lear?

Oltre diecimila persone hanno apprezzato la fotografia che Amanda ha condiviso. L’immagine parla da sola: Amanda, bellissima in un abito rosso fuoco, è raggiante tra le braccia del suo fidanzato. La fotografia non è accompagnata da alcun tag, perché è impossibile risalire ai connotati del fidanzato. Quel che è certo è che il suo volto non dimostra più di 35 anni. E pensare che, solo un anno fa, Amanda dichiarava con orgoglio di aver “chiuso la boutique”, cioè di aver messo fine alle sue frequentazioni. Poi è arrivato questo ragazzo misterioso a farle cambiare idea.

Amanda Lear non è mai stata così bella. L’attrice e cantante 82enne ha presentato al mondo il suo nuovo fidanzato, un ragazzo dai capelli biondi e dagli azzurri la cui identità rimane per ora sconosciuta, in Place du Trocadero a Parigi, uno spazio di fronte alla Torre Eiffel.

Carriera musicale

Nel 1974 Lear registrò la loro prima canzone insieme a Bowie intitolata Star , ma questa non fu mai pubblicata. Dopo questa prima esperienza, Bowie decise di pagare le lezioni di canto e ballo per dare il via alla sua carriera musicale. Nel 1975 , Amanda Lear debuttò nella musica con una versione francese di ” Trouble ” di Elvis Presley che attirò l’attenzione del produttore Antony Monn e dell’etichetta Ariola-Eurodisc, che le offrì un contratto di sette anni e sei dischi per un importo di denaro che Lear chiama “astronomico”.

Ha poi pubblicato un album, Io sono una fotografia , che include le canzoni ” Blood and Honey ” (un’allusione a un dipinto di Dalí) e una versione di ” Questi stivali sono fatti per camminare “, il grande successo di Nancy Sinatra ( Video ). Il suo album di debutto è stato registrato a Monaco di Baviera ed è stato un successo in Germania e Austria. Anche in Italia e in alcuni paesi europei (Francia e Belgio) è riuscita a raggiungere la Top 10 ed è stata certificata oro in Italia e Germania. Nell’album c’erano alcuni singoli, tra cui Blood and Honey , Tomorrow e Queen of Chinatown , che divenne il loro primo successo europeo.

L’album era Sweet Revenge , un concept record contenente un mix continuo sul primo lato. L’album è riuscito a raggiungere la Top 10 Poiché il disco che è stato estratto poi il suo più grande successo Follow Me e la Top 20 Enigma (Give a Bit of Mmh to Me) . Per promuovere l’album Amanda Lear ha cantato tutti i brani dalle varie stazioni in Europa e all’estero. In Italia e Germania la promozione è continuata, ad esempio in Germania le canzoni sono state cantate durante il programma televisivo Musikladen. In Italia, invece, è esordito in televisione con la prima di Antena 3, una delle prime televisioni commerciali. Ha poi partecipato al controverso programma Stryx su Rai 2, in cui interpreta un personaggio attraente e ambiguo di nome Stryx. Nel 1978, Lear ha anche fatto un’apparizione cameo nel film Uncle Adolf, nel canto artistico del Führer Lili Marleen e nel film di Joe D’Amato Notte umoristica.

Negli anni successivi pubblicherà Never Trust A Pretty Face , che includeva una versione disco del classico ” Lili Marleen ” e una canzone alludente al nightclub Studio 54 che ironizzava su Liza Minnelli , John Travolta e le altre celebrità che lo frequentavano. L’ultimo album della trilogia di successo Disco non è riuscito a entrare nella Top 20, anche dopo l’uscita della hit minore Fashion Pack . L’album è stato particolarmente promosso in America, nonostante “gli inglesi siano rimasti immuni agli effetti di Amanda Lear”.

Dopo l’album Diamonds for Breakfast , nel 1980, che ebbe successo soprattutto in Norvegia e Svezia, Amanda iniziò a preparare un altro album con l’allora famosissimo produttore Trevor Horn (che avrebbe poi lanciato Frankie Goes to Hollywood , Seal e altri). . Nel settembre 1980, Lear fa il suo debutto come conduttrice televisiva. La RAI chiede la guida, insieme a Enrico Beruschi, delle due edizioni (1982 e 1983) della Mostra internazionale di musica leggera , trasmessa da RAI 1, in cui Lear canta per la prima volta in Italia Solomon Gundie . La casa discografica Ariola, a cui Amanda era contrattualmente legata, non approvò il progetto Trevor Horn e un altro album fu prodotto a Monaco, Incognito , l’ultimo album prodotto da Antony Monn. L’album ebbe un tiepido successo in Europa (Svezia, Norvegia, Austria), ma fu in America Latina, mercato per il quale Amanda registrò tre canzoni in spagnolo.

Lear si concentrò ulteriormente sull’Italia, pubblicando la sua prima raccolta di grandi successi, Ieri, oggi , seguita da uno speciale televisivo intitolato Ma chi è Amanda? . L’ album Tam-Tam (1983) è stato un flop. L’album è stato promosso solo in Italia, e anche l’unico singolo di No Regrets . La promozione dell’album avviene durante la corsa della trasmissione televisiva Premiatissima su Canale 5, in cui la sigla di chiusura era No Regrets . Amanda Lear si è distinta nella televisione italiana, con la protezione di Silvio Berlusconi ; ha vissuto quattro anni di successo alla RAI .

Amanda Lear nel 1984 ha pubblicato la sua prima biografia ufficiale, My Life with Dalí , inizialmente pubblicata in Francia con il titolo Le Dali D’Amanda . La biografia fornisce informazioni sulla vita di Salvador Dalí e contiene anche dettagli sulla vita di Amanda Lear. Il libro è stato approvato dallo stesso Dalí, anche se alcuni ricercatori hanno trovato informazioni e date imprecise. Riapparve sul mercato musicale nel 1987 con un altro album, Secret Passion , ma poco prima di iniziare la sua promozione ebbe un incidente d’auto quasi fatale. Durante la convalescenza scrisse una storia dai tocchi surreali, L’Immortelle, un racconto surreale che descrive i tormenti di una donna condannata all’eterna giovinezza e bellezza, a guardare gli altri invecchiare e alla fine perdere tutti i suoi cari, ma pur sempre belli, ma non in grado di fermare il passare del tempo.

Nel 1988 Amanda Lear torna in scena con una rivisitazione del brano Domani , Domani (Voulez-vous un rendez-vous) , in cui si esibisce in duetto con il cantante dei CCCP Fedeli alla linea, Giovanni Lindo Ferretti. Il brano dopo una forte promozione in Italia potrebbe entrare nella classifica dei singoli, raggiungendo la posizione 40. La band farà anche da supporto per alcuni dei concerti di Lear in Italia. Alla fine degli anni ottanta, i loro due successi, Follow Me e Gold , furono remixati dal DJ britannico Hi-NRG Ian Levine e ristampati da BMG Ariola come singoli. Seguono l’uscita di diverse raccolte Ariola e due album pop-rock, Uomini più uomini in Italia e Tant qu’il e aura des hommes in Francia, entrambi pubblicati nel 1989. Negli anni successivi ha pubblicato album in Europa, senza grandi ripercussioni.

Ricomparsa

Ha pubblicato l’album Heart , che includeva remix di Junior Vasquez e degli spagnoli Pumpin’ Dolls insieme a cover di classici di Charles Aznavour e Burt Bacharach , e una versione di ” Lili Marleen ” con nuovi testi. Nel 2002, Amanda ha iniziato la sua attuale relazione con il modello italiano Manuel Casella , 30 o 40 anni più giovane. In concomitanza con il revival della discoteca , nel 2005 la prima compilation su CD autorizzata da Lear , Forever Glam! , e l’anno successivo la divisione tedesca di Sony BMGha pubblicato un cofanetto con 42 brani, che ha recuperato il palco con la compagnia Ariola .

Sempre nel 2006, Amanda è stata nominata Cavaliere dell’Ordine Nazionale delle Arti e delle Scienze francese ; compare nell’elenco dei vincitori con il nome « ​​Mme. Amanda Tapp, detta Amanda Lear ». Quell’anno, Lear pubblicò un nuovo album di ballate, With Love , come estensione dell’album Heart del 2001. Conteneva solo classici di dive che ammirava, come Eartha Kitt , Nina Simone e Peggy Lee . Nel 2001 , dopo due decenni di matrimonio, Amanda è rimasta vedova: il marito Alain-Philippe Malagnac è ​​morto in un incendio. Dal 2001 al 2008 la coppia ufficiosaQuella di Amanda è la giovane modella e conduttrice televisiva Manuel Casella , molto conosciuta in Italia per la sua partecipazione alla versione locale de L’isola dei famosi e che nel 2008 ha partecipato con un piccolo ruolo a una serie televisiva su Coco Chanel con protagonista Shirley MacLaine .

Nell’autobiografia El Hijo del Capitán Trueno, Miguel Bosé racconta di aver incontrato Amanda Lear un giorno d’estate del 1970 a Casa Dalí, a Cadaqués. Che vedendola fu colpito dalla sua bellezza, gentilezza e intelligenza. La chiama “una sirena” e fu con lei che quel pomeriggio perse la sua adolescenza nel labirinto del giardino della casa di Salvador Dalí.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.