Sapete chi è Anthony Delon figlio di Alain Delon? Età, biografia, madre, padre, moglie e figli


Anthony Delon, figlio dell’acclamato attore Alain Delon e di Nathalie Delon, ha seguito la professione del padre, pur non ammirandolo per la sua brutalità. Nato il 30 settembre 1964 al rinomato Cedar Sinai Hospital di Los Angeles, Anthony Delon ha avuto una vita precoce divisa tra Beverly Hills e la West Coast, fino a quando i suoi genitori hanno scelto di tornare in Francia. Alla tenera età di cinque anni, il primogenito di Alain Delon era un bambino bellissimo che parlava perfettamente sia il francese che l’inglese. Tuttavia, veniva spesso abbandonato, così quando i genitori si separarono, chiese l’assistenza del loro rappresentante d’arte, Georges Beaume.

Anthony Delon: un’adolescenza vissuta allo sbaraglio

Anthony ha raggiunto l’adolescenza e i suoi genitori sono allarmati dal suo comportamento irregolare e disobbediente. Così lo mettono in un collegio in campagna; è piacevole, ma il regime è quasi come quello militare. Ogni mattina gli studenti vengono svegliati da una sirena alle 7.30 e devono andare a correre prima di iniziare le lezioni. Dopo essere stato escluso dalla festa di fine anno come punizione per una sua infrazione, Anthony è talmente stufo che decide di scappare e di percorrere un viaggio di 30 chilometri per tornare a Parigi.

Tornato nella capitale francese, si iscrive a una scuola pubblica di Saint Germain des Près, in Rue St. Benoit. All’età di 14 anni scelse di andare a vivere con il padre, mentre la madre si trasferì negli Stati Uniti. Poiché diventa sempre più ribelle, il padre lo manda in collegio a Joinville – le Pont, nella Marna, per due anni. All’età di 17 anni abbandonò definitivamente la scuola. Poco dopo si reca a Londra per lavorare alla Highland Records per un semestre, dopodiché si reca in Nigeria nella speranza di realizzare un film sul musicista Fela Kuti, che all’epoca si opponeva al governo militare.

Anthony Delon: gli arresti per infrazioni alla giustizia

Quando Anthony compì diciotto anni, nel febbraio del 1983, sembrava quasi che avesse già vissuto una vita, poi fu arrestato perché scoperto alla guida di una BMW rubata con un’arma da fuoco automatica in suo possesso. Trascorse un mese in carcere e, come altri personaggi noti, cercò di sfruttare l’attenzione suscitata dallo scandalo che lo aveva portato in prigione per lanciare una propria linea di abbigliamento. Il padre gli proibì di usare il suo cognome come marchio per la linea. Dopo aver ottenuto un discreto successo sul mercato commerciale, il giovane che non riusciva a mettere ordine nella sua vita fu segnalato dalla stampa francese come il più giovane trombeur del Paese.

Anthony Delon: il trasferimento a New York

Per evitare i riflettori dell’opinione pubblica, si reca a New York e alloggia in un appartamento sulla Sessantaquattresima Strada, che in precedenza ospitava James Dean. Durante la sua visita, viene presentato a Andy Warhol, Diane Von Furstenberg e Brooke Shields, e compare in un servizio fotografico di Life Magazine con Bruce Weber. Sebbene avesse pensato di rimanere a New York, accetta l’invito di Alberto Lattuada a fare dei provini a Roma. Durante questo periodo, recita in “Cronaca di una morte annunciata” (1987) di Francesco Rosi, che lo porta al Festival di Cannes. Il film viene apprezzato in America Latina e nell’Europa dell’Est, ma non in Francia.

Anthony Delon: un incorreggibile scapestrato

Nonostante l’adorazione della critica, il rapporto con il padre era teso e di solito non ne usciva vittorioso. L’industria cinematografica francese ha così tante difficoltà che è quasi impossibile per i giovani attori ottenere ruoli importanti, così l’attore ha dovuto ricorrere alla televisione per la sua carriera. Nel 1996, il suo ruolo in “La verité si je mens!” di Thomas Gilou, nel ruolo di Maurice Aflalo, un uomo intraprendente e disposto a tutto, è stato considerato da alcuni troppo simile alla sua vita. Nonostante i suoi ruoli in “Danse avec lui” (2006) e “Un homme et son chien” (2009) di Francis Huster, il suo più grande successo al botteghino è arrivato da questo film. È stato anche lodato per il ruolo di Alex in “Polisse de Maiwenn” (2011), oltre che per la sua capacità di sopravvivere alla vita da single e di non farsi mai frenare da circostanze professionali difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *