Sapete chi è Gino Santercole: carriera, canzoni, Adriano Celentano, figlio, come è morto


Sta per iniziare il classico appuntamento pomeridiano di Rai 1 con Oggi è un altro giorno. Condotta da Serena Bortone, la puntata di oggi sarà dedicata alla memoria di Gino Santercole, storico collaboratore di Adriano Celentano scomparso a Roma l’8 giugno 2018. In studio sarà presente il figlio Simone.

Il rapporto di Gino Santercole con la famiglia Celentano

Gino Santercole è nato a Milano il 23 novembre 1940. È stato un noto cantautore, compositore, attore e chitarrista di origine pugliese. Figlio di Rosa Celentano, sorella di Adriano Celentano, Santercole collabora fin da giovane con lo zio. Infatti, è entrato a far parte del gruppo Rock Boys e poi de I Ribelli come chitarrista prima di formare il Clan Celentano con altri artisti. È con lo zio che debutta come cantante solista nel 1964.

Il successo con Stella d’argento (e non solo)

Tuttavia, il successo di Santercole arrivò con Stella d’argento. Questa canzone fu un successo nel 1966. Partecipò anche a Sanremo, poi al Festival di Zurigo. E ha scritto molte canzoni famose della musica italiana. Non si può non ricordare Una carezza in un pugno, che Celentano ha cantato più volte in trasmissioni televisive. Altre canzoni di successo sono Svalutation. Santercole compose poi colonne sonore e iniziò la sua carriera di attore nel 1968: con lui lavorarono registi come Pietro Germi, Dino Risi e Luigi Comencini.

Le canzoni famose scritte da lui

Tra le canzoni famose, che hanno fatto la storia, scritte da lui ricordiamo:

  • È inutile davvero
  • Due tipi come noi
  • Una carezza in un pugno
  • L’ultimo del Clan
  • Svalutation

Come è morto

Gino Santercole, che ha avuto un successo dopo l’altro, è morto a Roma l’8 giugno 2018. Aveva 77 anni.

Chi è la moglie, figli

Gino Santercole sposò la sorella della moglie di suo zio, Claudia Mori, Anna Moroni. Suo zio era il cantante e regista Renato Celentano; quindi non solo era nipote, ma anche cognato di Celentano. Da questo amore nacquero due figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *