Sapete la vera storia della Principessa Sissi? Causa morte, marito, figli e imperatrice


A metà degli anni Cinquanta, il cinema intronizza l’imperatrice Elisabetta d’Austria (Elisabetta di Baviera) come icona di una Vienna che vibra al ritmo di un valzer . Tuttavia, “Sissi” è stata una personalità molto controversa ai suoi tempi, che i settori più conservatori delle corti europee non hanno esitato ad etichettare come irresponsabile e stravagante . Il grande schermo non ha citato ciò che successive e rigorose biografie hanno mostrato: i suoi problemi di salute , la sua personalità tormentata , il suo amore per la cultura classica o il suo lascito poetico.

Sissi, Imperatrice a sorpresa

Elisabetta, che alla corte viennese sarebbe diventata nota come Sissi, era la quarta di dieci figli nati dal duca Massimiliano Giuseppe di Wittelsbach e dalla principessa Ludovica, figlia del re Massimiliano I di Baviera. Nasce a Monaco di Baviera il 24 dicembre 1837, ma cresce a Possenhofen, sulle rive del lago di Starnberg, libera e felice, sempre a contatto con la natura e in un ambiente disinibito che condizionerà il carattere della futura imperatrice e quello di la maggior parte dei tuoi fratelli.

La primogenita, Elena – elegante, discreta, molto religiosa ed estremamente disciplinata – sembrava la candidata ideale per diventare imperatrice . Almeno così pensavano sua madre e Sofia, sua zia e madre del suo futuro marito, l’imperatore Francesco Giuseppe . Così, nel 1853, fu fissato un appuntamento a Bad Ischl, residenza estiva della famiglia imperiale, per chiudere il fidanzamento. Inizialmente madre e figlia avrebbero viaggiato da sole, ma all’ultimo momento si decise che Elisabeth le avrebbe accompagnate . In quel periodo, a causa di un primo amore frustrato, Sissi stava attraversando una delle prime crisi depressive.che sarebbe stata aggredita in futuro, e si credeva che il viaggio l’avrebbe aiutata a guarire il suo cuore giovane e malconcio.

Nessuno si aspettava quanto accaduto , tanto meno la stessa interessata. Quando Francisco José incontrò sua cugina Sissi, che ricordava da ragazza, e scoprì che era diventata una fanciulla attraente e snella con un viso ovale e splendidi capelli castani , capì subito che voleva farla sua moglie. Francisco José aveva appena compiuto ventitré anni ed era un uomo adulto. Sissi, invece, era un’adolescente che, pur lusingata dalle sue attenzioni, si accorse subito delle differenze di interessi e di temperamento che la separavano dalla cugina. Ma era anche consapevole che l’imperatore d’Austria non avrebbe mai accettato un rifiuto per una risposta .

La verità è che non fu la sola ad avvertire che quel matrimonio non avrebbe rispettato i canoni della corte imperiale . Tutti, a cominciare dall’arciduchessa Sofia, cercarono di far desistere l’imperatore dal suo proposito. Era evidente che questa giovane donna non aveva il seno di un’imperatrice . Non si era mai sottomessa a rigidi protocolli di corte , non si era mai mossa nei circoli sociali, ei suoi scarsi sedici anni non sembravano una buona garanzia per condividere la responsabilità di indossare la corona. Era tutto inutile. L’imperatore scrisse al cugino Alberto de Teschen di essere “innamorato come un cadetto” e il 24 aprile 1854 ebbe luogo il solenne matrimonio nella chiesa degli Agostiniani a Vienna.

Una volta all’Hofburg , il palazzo imperiale, Elisabetta vide che i suoi timori erano fondati. La sua nuova vita aveva poco o niente a che fare con l’ambiente in cui era cresciuta . Il galateo di corte rendeva impossibile qualsiasi segno di spontaneità e non lasciava spazio alla privacy. La giovane imperatrice si trovò sola in un ambiente al quale non si sentiva emotivamente o intellettualmente legata. Le sue dame, scelte da alte famiglie aristocratiche, erano anziane ed estremamente conservatrici. D’altra parte, l’ arciduchessa Sofía ha sempre criticato le sue abitudini , abiti, costumi e hobby. È vero che Francisco José era molto innamorato, ma i suoi obblighi non gli permettevano di trascorrere troppo tempo con la moglie, e la madre autoritaria divenne un incubo assoluto per Elisabetta di Baviera nei primi anni di matrimonio.

Una tragedia in Ungheria

Tale era il suo ascendente che, un anno dopo il matrimonio, quando Elisabetta diede alla luce Sofía , la sua prima figlia, l’arciduchessa si prese cura della piccola, ritenendo che la giovane madre fosse totalmente incapace di educarla . La storia si è ripetuta l’anno successivo quando è nata una seconda bambina, Gisela. Ancora una volta, Sofia ha organizzato e organizzato. Ma questa volta Elisabeth riuscì a prevalere e, quindici giorni dopo la nascita della piccola, le bambine furono trasferite nelle loro stanze all’Hofburg . Tuttavia, fu un trionfo di breve durata.

L’enorme complesso architettonico del Palazzo Hofburg fu la residenza reale sin dai tempi degli Asburgo. Sissi vi si trasferì dopo il suo matrimonio con l’imperatore, e lì si rese conto che i suoi timori erano fondati. La sua nuova vita aveva poco o niente a che fare con l’ambiente in cui era cresciuta. Fino alla sua morte, avrebbe cercato di sfuggire alle rigide regole del palazzo attraverso i suoi continui viaggi.

Nella primavera del 1857 Franz José ed Elisabeth si recarono in Ungheria. L’arciduchessa Sofia si oppose fermamente alle ragazze che le accompagnavano, ma Elisabetta difese il suo giudizio con insolita fermezza e le portò con sé. Non contava sull’insalubrità di alcune regioni ungheresi. Un pericolo che ebbe una tragica conseguenza: la piccola Sofia contrasse la dissenteria e morì a Budapest il 29 maggio 1857.

l’imperatrice errante

Elisabeth si sentì in colpa per la morte della figlia e restituì alla suocera la responsabilità dell’educazione di Gisela. L’imperatrice cadde in una terribile depressione che non superò nemmeno quando, un anno dopo, il 21 agosto 1858, nacque suo figlio Rodolfo. Adducendo ragioni mediche, si è recato sull’isola di Madeira dove apparentemente si è ripreso. Pochi mesi dopo è tornato in tribunale, ma l’incontro con la realtà è stato brutale . Riprendere la vita di corte, sottomettersi all’etichetta e sopportare ancora una volta l’incomprensione di ciò che la circondava la sconfisse, al punto che temette seriamente per la sua vita . Gli fu nuovamente prescritto l’allontanamento da Vienna, e in questa occasione la meta prescelta è stata Corfù . Lì iniziò il suo idillio con la cultura greca classica e la sua passione per il Mediterraneo. Completamente guarita, nell’agosto 1862 tornò a Vienna.

All’età di 30 anni, Elisabetta aveva già dato tre discendenti all’imperatore, compreso il tanto agognato erede al trono, e stava per avere il quarto. Era un’imperatrice con personalità e bellezza che sembrava essersi lasciata alle spalle la malinconia causata dall’essere stata tagliata fuori dall’educazione dei suoi due figli dopo la morte del primogenito all’età di due anni, e si rifiutò di sottomettersi alla rigida disciplina della corte più di quando strettamente necessario. Grande amante degli animali, sono molte le fotografie di Sissi con i suoi cani, come questa, scattata nel 1867, in cui compare con il suo cane Houseguard, animale che l’ha accompagnata per anni e per il quale provava un affetto speciale.

Elisabetta di Baviera era maturata ed era all’apice della sua bellezza , che divenne leggendaria. Concordò con l’imperatore che non si sarebbe sottomesso alla disciplina di corte se non quando fosse strettamente necessario . Avrebbe adempiuto ai suoi doveri di imperatrice, ma si sarebbe riservata un territorio tutto suo in cui coltivare la propria individualità.

Ciò non implicava che Sissi restasse fuori dagli affari di stato. A quel tempo, l’Ungheria, sebbene integrata nell’Impero, stava lottando per recuperare i suoi privilegi ancestrali . Vienna aveva abolito tutte le sue prerogative costituzionali in risposta alla rivolta nazionalista e liberale del 1848. Elisabetta simpatizzava con i ribelli aristocratici ungheresi che non avrebbero lasciato riposare in pace le menti conservatrici dell’Impero. Il suo desiderio di conoscere a fondo il paese e la sua cultura la porta ad assumere come lettrice Ida Ferenczy, una giovane donna ungherese che diventerà la sua migliore amica. Attraverso di lei, Sissi conobbe il bel Gyula Andrássy, un colonnello dell’esercito magiaro.. Profondamente liberale, entrò subito in contatto con Elisabeth e tra loro nacque una profonda amicizia. L’imperatrice divenne una sostenitrice della causa ungherese , che a sua volta le portò la decisa inimicizia della corte viennese.

regina d’Ungheria

Fu Elisabetta di Baviera che riuscì a mantenere l’Ungheria unita all’Impero . Dopo la sconfitta di Sadowa, nel 1866, quando le armate prussiane avanzarono verso Vienna, Elisabetta decise di rifugiarsi a Buda con i suoi figli. La fiducia mostrata dall’Imperatrice nel cercare protezione nel suo territorio frustrò qualsiasi piano insurrezionale. Poco dopo, Andrássy e l’imperatore negoziarono i termini per il recupero del territorio magiaro al suo status di stato costituzionale e per la formazione dell’impero austro-ungarico, due stati sovrani con regimi e governi diversi, ma uniti sotto un’unica corona.

L’8 giugno 1867 Francesco Giuseppe ed Elisabetta furono solennemente incoronati re costituzionali d’Ungheria nella chiesa di Nostra Signora a Budapest. A riprova del proprio riconoscimento, il popolo ungherese donò il castello barocco di Gödöllö , nei pressi della capitale. Fu lì che, un anno dopo, nacque l’ultima e la più amata delle sue figlie, l’arciduchessa Maria Valeria.

Isabel trascorreva lunghi periodi a Gödöllö con i suoi figli , tra cacce, lunghe passeggiate a cavallo e tante ore di lettura. Anni dopo, dopo il matrimonio di Gisela e l’inizio dell’addestramento militare di Rodolfo, Sissi iniziò nuovamente un’intensa stagione di viaggi accompagnata dalla figlia María Valeria.

Dal 1874, e sotto il nome di Contessa Hohenembs per garantirne l’anonimato, Sissi e sua figlia viaggiarono attraverso il Mediterraneo , le isole britanniche e gran parte dell’Europa centrale .

Le depressioni di Elisabeth si aggravarono poco dopo il suo cinquantesimo compleanno, quando ricevette il duro colpo della morte del figlio Rodolfo a Mayerling. In perpetuo lutto, nella sua maturità, l’Imperatrice si rifiutò di farsi fotografare il volto. Nelle immagini scattate da allora, appare spesso con il volto coperto da un velo o con un ventaglio, come in questa immagine.

La nascita di María Valería segnò l’inizio di una nuova tappa per la coppia imperiale . Nonostante le loro differenze, tra loro c’era un rapporto cordiale e amichevole , basato su sincero affetto e profonda generosità. Quando, nel 1885, Katharina Schratt, attrice del Burgtheater di Vienna, entrò nella vita dell’imperatore , lo fece con l’ acquiescenza di Elisabeth , che la chiamava affettuosamente “l’amica ” . Elisabetta apprezzava l’attrice, condivideva lunghe ore di conversazione con lei e l’imperatore, e sapeva che Katherina dava a suo marito la compagnia, l’affetto e la passione che non avrebbe mai potuto offrirgli .

María Valeria non si sposò fino al 1890. Il prescelto fu l’arciduca Francisco Salvador de Habsburgo, un candidato che non convinse troppo l’imperatore, ma che ebbe l’appoggio di Elisabetta, strenua difensore del diritto dei suoi figli a sposarsi per amore . In quel periodo l’Imperatrice assisteva impotente al progressivo deteriorarsi del matrimonio dell’erede Rodolfo con Estefania del Belgio , una giovane donna che l’Imperatrice giudicò sempre arrampicatrice sociale e ambiziosa. Estefanía era molto conservatrice e tradizionalista, l’antitesi del marito colto, liberale e anticonformista. Gli oscuri presentimenti di Isabella di Baviera si sono avverati quando Rodolfo è stato trovato morto nella casa di caccia di Mayerling.con la sua amante, Maria Vetsera. Tutto sembrava indicare che il principe avesse prima sparato a Maria e poi si fosse suicidato . La versione ufficiale parlava di alienazione mentale dell’erede, ma su quanto accaduto il 30 gennaio 1889 incombeva sempre l’ombra di un delitto di Stato.

La misteriosa morte del terzo figlio di Sissi Emperatriz e Francisco José

leggi articolo

La morte di una donna infelice

Dopo la morte di Rodolfo, Elisabetta divenne l’ombra di se stessa . Ha accusato la corte viennese di essere la causa indiretta della morte di suo figlio e non ha mai più indossato il colore . In perpetuo lutto, viaggiava freneticamente senza meta , sempre nascosta dietro un grande ventaglio, un velo o sotto uno pseudonimo che le faceva credere di passare inosservata in questo modo. Quelle che erano sempre state considerate le “stranezze” dell’imperatrice furono portate a livelli inconcepibili quando il destino fu implacabilmente crudele con lei. Non ha quasi mai più rimesso piede all’Hofburg . Quando si è fermata a Vienna , è rimasta sola, nel padiglione Hermesvilla, palazzetto eretto per ordine di Francisco José nel parco Lainz con lo scopo di avere una residenza più accogliente e confortevole per la famiglia imperiale.

L’ 8 settembre 1898 , durante uno dei suoi innumerevoli viaggi, Elisabeth alloggiava all’hotel Beau-Rivage di Ginevra. Due giorni dopo, mentre si preparava a prendere il traghetto che l’avrebbe portata a Montreux , le capitò di imbattersi in un altro passeggero. Sentì un forte colpo al fianco e, una volta sulla barca, svenne. Morì quello stesso pomeriggio . Lo spericolato viaggiatore che aveva incrociato la sua strada era in realtà un anarchico italiano di nome Luigi Lucheni e aveva piantato uno stiletto vicino al suo cuore .

L’imperatore non voleva che Elisabetta riposasse dove aveva disposto, sulle rive del Mediterraneo, a Corfù oa Itaca. Il suo status di imperatrice d’Austria-Ungheria la costrinse a essere sepolta nella cripta dei Cappuccini . Lì riposa, nella stessa Vienna che non ha mai amato e mai compreso.

Quanti figli ha avuto la principessa Sissi?

Quanti figli ha avuto la principessa Sissi?

Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, ovvero Sissi, e il marito Francesco Giuseppe d’Austria hanno avuto 4 figli.

Quanti figli ha avuto Sissi l’imperatrice?

4: Sofia, nata nel 1855 e morta dopo due anni, Gisella nata nel 1856, Rodolfo nel 1858 e Maria Valeria avuta nel 1868.

Chi era il marito dell’imperatrice Sissi?

Il marito di Sisi era Francesco Giuseppe d’Austria e i due si sposarono nel 1854: lui aveva 24 anni e lei 15 e le nozze furono combinate dai sovrani dei rispettivi Paesi.

Chi era Cecco Peppe?

Era il soprannome di Francesco Giuseppe d’Austria, ovvero il marito di Sissi, mentre questo governava in Italia.

Come si lavava i capelli Sissi?

I capelli venivano lavati ogni tre settimane con un insieme di sostanze tra cui spiccavano uova crude e brandy: questi poi venivano asciugati con delle lunghe passeggiate, non essendo stati ancora inventati gli elettrodomestici attuali.

Dove si trova la tomba della principessa Sissi?

Questa si trova presso la La Cripta Imperiale di Vienna, dove Sissi e i suoi discendenti sono appunto sepolti.

Quanti anni di differenza tra Sissi e Franz?

Sissi e Franz avevano nove anni di differenza: i due si sposarono rispettivamente quando avevano 15 e 24 anni.

Chi era la dama di corte di Sissi?

Fanny Angerer, figlia di una levatrice e di un barbiere: la giovane divenne inoltre la parrucchiera di Sissi, alla quale curava appunto la lunga chioma.

Come si chiamava la suocera di Sissi?

Sofia di Baviera, ovvero l’imperatrice austriaca, che per errore viene definita come suocera terribile, specialmente nelle pellicole con tematiche storiche che narrano appunto la storia di Sissi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *