Sara Pegoraro muore a 26 anni a causa di un malore improvviso

16

La procura ha aperto un’inchiesta per omicidio dopo che la modella Sara Pegoraro è stata schiacciata a morte. La giovane donna sarebbe stata stroncata da un malore. Treviso è in profondo lutto per la sua scomparsa, avvenuta a soli 26 anni.

Sara Pegoraro, 26 anni, residente a Treviso, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Ca’ Fancello venerdì scorso dopo essere svenuta vicino a un supermercato Aldi. In seguito è stata dimessa, ma meno di 24 ore dopo era di nuovo in ospedale per una patologia sconosciuta. Tuttavia, poco dopo essere stata dimessa dall’ospedale, sembrava essersi ripresa. Quando il peggio sembrava passato, è arrivata la tragedia: Pegoraro è morta improvvisamente. Il Suem 118 ha tentato di rianimarla senza riuscirci. Le cause del decesso non sono chiare, ma sembra che si sia trattato di un malore improvviso.

I pubblici ministeri hanno aperto un fascicolo per determinare se la donna sia morta a causa di un altro crimine, in quanto ciò getta luce sulla causa del decesso. Il sostituto procuratore Anna Andreatta, responsabile del fascicolo, ha già disposto le analisi del sangue per stabilire se la ragazza abbia assunto sostanze stupefacenti.

Lo scorso 17 giugno, la ragazza ha raccontato su Facebook di un incidente avvenuto a Bologna che l’ha portata in ospedale. Perché ha rischiato di essere uccisa ma non aveva colpe, ha scritto. Grazie mamma per essere sempre lì ad aiutarmi, ha scritto. Sei la mia ancora. Lo scorso maggio è stata investita ed è stata operata allo scafoide.

Il saluto degli amici sui social

La notizia ha fatto presto il giro dei social, dove Sara era molto attiva e molto seguita. Tantissimi i messaggi lasciati dagli amici ancora increduli: “Non ci posso credere, buon viaggio”, scrive Federico. “Eri una persona speciale”, aggiunge Leonardo. “Alla fine la grigliata che volevi tanto che facessi la faremo insieme lassù riposa in pace cugi, mi manchi già”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.