Segregata in casa per 17 anni con i due figli, il marito le diceva: “Uscirai solo da morta”

84

Una donna sposata da 23 anni era tenuta in un bunker dal marito e viveva lì insieme ai suoi due figli, che sono stati salvati la scorsa settimana dalla polizia. La donna, che non è stata identificata, è stata affamata e torturata dal marito, Luiz Antonio Santos Silva, che è stato due figli arrestato dalla polizia mentre la moglie ei sono stati trasportati in ospedale dopo essere stati trovati gravemente malnutriti.

La polizia ha diffuso le foto dello squallido bunker in cui abitano i tre prigionieri: una stanza, sporca e scarsamente illuminata, con due letti e un angolo cottura che usavano rispettivamente per dormire e per preparare i pochi pasti che riesconono a consumare. La donna è stata in grado di raccontare alla polizia alcuni dettagli dei lunghi anni di prigionia a cui il marito l’ha costretta: maltrattamenti fisici e psicologici, oltre al cibo razionato e all’acqua che in diverse occasioni era così scarsa che i tre hanno rischiato di morire di fama.

I ragazzi, ora di 19 e 22 anni, sono stati trovati in una casa di Rio de Janeiro. Sembravano bambini ed erano in condizioni di salute così precarie da richiedere un ricovero immediato. È stata una persona anonima ad avvertire le autorità della situazione della famiglia. “Quando abbiamo visto lo stato dei due ragazzi, abbiamo pensato che non ha lasciato un’altra settimana”, il capo della polizia. L’ufficio affari interni della polizia civile ha aperto un’indagine sul perché la famiglia non sia stata soccorsa prima, dopo che è emerso che la segnalazione della situazione della famiglia è stata fatta per la prima volta nel 2020.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.