Sergio Ramos: le cinque cose più costose che il capitano del Real Madrid possiede

Se c’è un giocatore che ha subito una metamorfosi nella sua estetica brutale in poco più di un decennio (fortunatamente in meglio), è Sergio Ramos. Il capitano della Nazionale spagnola, il ragazzo di Camas, ha iniziato il suo set-up non appena è entrato nel Real Madrid, una rivoluzione estetica legata, indissolubilmente, all’aumento del suo stipendio e del suo patrimonio, che è iniziato con una rinoplastica e proseguito con il mento, gli zigomi, i denti … e che getterebbe le basi per la trasformazione totale dei loro stili.

E, come oltre al calcio, per il quale riceve uno stipendio annuo di 11,7 milioni di euro dal Real Madrid, Ramos prende anche un buon taglio dai contratti pubblicitari – la sua immagine attraente gli porta notevoli benefici – i suoi account e le sue altre attività sono solo in crescita, e i suoi social network (Instagram con 41,2 milioni di follower) bruciano a tutte le ore e parlano di una connessione con il grande pubblico che va oltre del mero sportivo.

A proposito, i suoi camei estivi con Conor McGregor,la star dell’UFC, quando Sergio Ramos ha celebrato un gol imitando la camminata di McGregor dopo le sue vittorie nell’ottagono, ha anche rivelato quella curiosa amicizia tra i due atleti che ha dato molto di cui parlare – e sempre benefici.

Ma cosa stiamo cercando: quando la tua fortuna è stimata in circa 100 milioni di euro e tu sei Sergio Ramos, padre oltre a quattro figli, per cosa spendi i tuoi soldi? Analizziamo quali sono le cinque cose più costose di Sergio Ramos, il ragazzo che, oltre a camminare con una palla a tutte le ore per le strade di Camas, amava salire sui cavalli.

Le cinque cose più costose che Sergio Ramos ha in suo possesso

Non li cavalca perché gli è proibito per contratto. Ma non appena questo calciatore rilascia i suoi stivali non scenderà da alcuni dei suoi cavalli, quasi 80 capi di bestiame, tra cui un campione del mondo spagnolo di razza, il suo preferito: Yucatán de Ramos, per il quale di solito fa pagare circa 3.000 euro più IVA ogni volta che copre una cavalla (il proprietario del fortunato paga con questa somma tre volte).

Tuttavia, come spiega suo cognato ai media, non è l’obiettivo di riempire la penisola di bambini dello Yucatan, ma piuttosto di preservare l’esclusività di questo stallone edi una potente genetica per continuare a raccogliere premi e vincere concorsi.

Gli 80 capi di bestiame sono nella residenza che il calciatore ha nel Sud, a Bollullos de la Mitación, a soli 30 minuti da Siviglia, una fattoria dove si è svolto il super matrimonio con Pilar Rubio che ha organizzato per 400 ospiti (dove i telefoni cellulari erano vietati).

La fattoria ha una superficie di 44 ettari,in cui c’è una casa cortijo, una residenza per gli ospiti, un campo da calcio sette, piscina, campo da paddle tennis, stalla, 40 scatole per i vostri cavalli, corraletas, piste all’aperto, interni, maneggio … e persino un deambulatore automatico per allenare i campioni ogni giorno. Questo è come un centro ad alte prestazioni.

L’altra dimora di La Moraleja y Cía.

Ma se abbiamo seguito quasi quotidianamente la concezione di una qualsiasi delle loro proprietà che è stata quella della nuova villa di La Moraleja, da quando l’hanno acquisita – è stato praticamente un affare poiché è stato valutato a 3 milioni di euro e l’hanno fatto proprio all’asta per poco più di 1 milione e mezzo – fino alla completa demolizione dell’edificio di quattro piani. E anche, eravamo a conoscenza dell’abbattimento di querce centenarie, pini e pioppi che ha portato la coppia a pagare una multa di 250.000 euro al concistoro di Alcobendas. Gli alberi non gli si adattavano perfettamente. Pagato il bene, capelli al mare.

Ed è che l’attuale palazzo, in cui stanno per trasferirsi dall’altra casa sempre a La Moraleja, è già valutato (e praticamente finito) a 12 milioni di euro,ha un design molto moderno e si ispira all’opera architettonica di Ludwig Mies Van der Rohe: l’architetto tedesco di less is more.

Non è che fossero stanchi della loro casa precedente. Secondo il calciatore nel documentario per Amanzon Prime, Il cuore di Sergio Ramos, la famiglia che si è appena allargata con il suo quarto figlio, Máximo Adriano, aveva bisogno di più spazio. 

Ma il loro patrimonio immobiliare non si ferma qui. Con la sua società madre Sermoos 32 SL,Sergio Ramos e suo padre si dedicano all’affitto di immobili, come i 345 posti auto nel centro di Marbella, a 300 metri dal Paseo Marítimo, o il progetto urbano del quartiere di Los Berrocales,a Madrid, in cui lui e suo padre rappresentano il 60% ed Eroski, un altro 40%.

Ora stiamo parlando di arte perché, per il calciatore, uno degli investimenti più desiderabili e quello che gli piace di più è questo. Quindi, è comune per lui andare ad ARCO o Estampa per fare alcune acquisizioni. E sì, va di persona e compra quello che gli piace, anche se si lascia consigliare da specialisti come Fer Francés,della galleria di Marlborough ed esperti di pittura classica. La sua ultima acquisizione è stata un’opera di Phil Frost,un newyorkese il cui lavoro misura più di due metri di altezza e con il quale progetta di decorare le grandi pareti bianche della sua nuova casa.

Oltre a questo lavoro, la Collezione Sergio Ramos ha opere di Manolo Valdés, Juan Genovés, Alex Katz, Jaume Plensa o Bansky. E anche, il calciatore approfitta dei suoi acquisti per caricarli sulle reti, fotografarsi con loro e, a volte, promuovere il lavoro di alcuni dei talenti che sono anche amici come il pittore sivigliano Manuel León o l’artista Jienense Belin.

Collezione di orologi e automobili

E da buon amante delle firme e degli accessori (ed estendiamo questo concetto alle quattro ruote), Sergio Ramos ci delizia in ogni apparizione pubblica con uno dei modelli della sua collezione di orologi di lusso e veicoli di fascia alta.

Partendo dagli orologi, non possiamo trascurare la messa in scena di un orologio che è stato molto suonato, quello che ha scelto per il giorno del suo matrimonio, un Patek Philippe del valore di quasi 60.000 euro, modello 5980/1AR – Nautilus, di cui più di 500 operazioni fatte a mano vengono eseguite a mano fino a quando la spettacolare cassa dell’orologio è terminata.

Un altro degli orologi che lo abbiamo visto indossare al polso è un Royal Oak di Audemars Piguet nella sua versione più classica, o il Rolex Submariner che il calciatore indossava partecipato al programma di El Hormiguero, in cui lavora sua moglie. O quelle mitiche apparizioni dell’ultima Coppa del Mondo in Russia, quando un arbitro Hublot brillava al polso. Ognuno di questi non è affatto fortuito.

E se andiamo ai veicoli di fascia alta di Sergio Ramos, dobbiamo evidenziare due aziende: Audi e Porsche, di cui ha un buon numero di modelli. Da Audi, in particolare, non ha niente di più e niente di meno che un’Audi A7 Sportback, Audi Q7, Audi RS5…. (ovviamente, ha un contratto firmato con la casa).

Allo stesso tempo ha diverse Porsche -la 911 Carrera S, la 997 Turbo S, la Panamera e la Cayenne-, alcune Mercedes –AMG G 7 e AMG G 63-, grandi classici spagnoli come la Seat 600,un regalo di compleanno marrone decorato con le iniziali del giocatore, o una Range Rover Sport con cui Sergio Ramos accompagna la sua numerosa famiglia.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *