Sono due sorelle di 15 e 17 anni le ragazze travolte e uccise da un treno a Riccione

114

Due ragazze sono state investite da un treno all’alba di oggi a Riccione. Una Freccia Rossa della linea ad alta velocità le ha travolte mentre tentavano di attraversare i binari alla stazione della città romagnola. Due sorelle sono state investite e uccise dal treno 9802 partito da Pescara e diretto a Milano. Il macchinista non ha frenato in tempo, probabilmente quando ha notato la presenza delle due ragazze sui binari. Molti curiosi che hanno assistito alla scena sono rimasti stupiti e hanno subito dato l’allarme, compreso il bar della stazione che ha raccontato di aver incontrato le due ragazze poco prima dell’incidente e che non sembravano essere in sé.

“Stavo caricando il distributore delle bibite, erano circa le 6.30, quando mi si è avvicinata una bellissima ragazza vestita di nero per chiedermi qualcosa, ma ho subito capito che non era in sé – racconta l’uomo all’Agi – mi ha detto che non aveva soldi e che le avevano rubato il telefonino, poi con una sua amica vestita di verde e con gli stivali in mano, all’improvviso si sono dirette al binario 2 dove era fermo il treno per Ancona. Quando ho capito cosa volessero fare ho urlato, tutti dietro di me hanno urlato, poi ho sentito il fischio fortissimo del treno e una botta tremenda. Poi non ho capito più nulla, tutti urlavano”.

La dinamica dell’incidente è ancora in fase insieme di ricostruzione e sul posto sono arrivati ​​gli agenti della Polizia Ferroviaria ai vigili del fuoco. Nel frattempo, la linea ferroviaria in direzione nord è stata chiusa per consentire il transito per il recupero dei corpi ei rilievi che saranno necessari per ricostruire l’accaduto. Il capo della polizia Rosanna Lavezzaro ha dichiarato: “Stiamo ricostruendo l’accaduto. Stiamo passando al setaccio le telecamere esterne alla stazione e quelle interne, oltre a intervistare 2-3 persone che erano presenti in quel momento”.

L’ipotesi probabile è che le due hanno più sorelle accidentalmente attraversato i binari in stato di ebbrezza dopo aver trascorso una serata a Riccione, ma non si esclude l’ipotesi di un gesto suicida da parte di una sorella mentre l’altra cercava di salvarla . Gli inquirenti intendono interrogare i testimoni che erano presenti in stazione poco prima delle 7 del mattino, per capire cosa sia successo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.