Vitamina D: uscire per appena dieci minuti ‘una o due volte al giorno’ può essere sufficiente

Dovremmo tutti prendere in considerazione l’assunzione di un integratore giornaliero di vitamina D durante l’autunno e l’inverno. Questo perché nei mesi invernali non produciamo abbastanza vitamina D dalla luce solare.

Julia Thomson, infermiera specializzata in osteoporosi presso la Royal Osteoporosis Society, ha dichiarato: “La luce solare è una delle migliori fonti naturali di vitamina D in quanto aiuta i nostri corpi ad assorbire efficacemente il calcio”.

“Se puoi accedere allo spazio esterno e sentirti a tuo agio nel farlo, esporre la pelle nuda alla luce solare poco e spesso (senza protezione solare che impedisce ai raggi del sole di raggiungere la pelle) nei mesi primaverili ed estivi può aiutare ad aumentare i livelli di vitamina D.

È importante stare attenti a non scottarsi. Il vetro blocca i raggi del sole, ma anche sedersi all’interno vicino a una porta o una finestra aperta può aiutare.

“A seconda del tipo di pelle, questo potrebbe essere per un minimo di dieci minuti, una o due volte al giorno tra le 11 a.m. e le 3 p.m. È importante fare attenzione a non scottarsi, tuttavia, il tempo necessario per produrre abbastanza vitamina D è di solito inferiore al tempo necessario per danneggiare la pelle.

Il NHS dice: “Non si può overdose di vitamina D attraverso l’esposizione alla luce solare. Ma ricorda sempre di coprire o proteggere la tua pelle se sei esposto al sole per periodi prolungati per ridurre il rischio di danni alla pelle e cancro della pelle.

Heart UK afferma: “La vitamina D è essenziale per una buona salute e il colesterolo svolge un ruolo nella produzione di vitamina D dalla luce solare.

“La maggior parte di noi non riceve abbastanza vitamina D, ma è possibile ottenere di più dagli integratori e dalla luce solare”.

Spiega: “Otteniamo un po ‘di vitamina D dal cibo, ma la maggior parte di essa la otteniamo dalla luce solare. Il sole agisce sulle sostanze chimiche sotto la pelle e aiuta a convertirle in vitamina D.

Aggiunge: “Non abbiamo bisogno di vitamina D dal cibo o dalla luce solare ogni giorno. Ma se non ne hai abbastanza per un periodo di tempo più lungo, non avrai abbastanza vitamina D per una buona salute, che è nota come carenza di vitamina D.

“Alcune persone hanno maggiori probabilità di avere una carenza di vitamina D rispetto ad altre. Gli integratori e mangiare cibi che contengono vitamina D possono aiutare. “

Se tu o qualcuno a cui tieni è in un gruppo a rischio più elevato, potrebbe essere necessario assumere integratori di vitamina D.

Puoi assumere integratori di vitamina D sotto forma di compresse, liquidi o spray e possono essere acquistati in farmacia.

La vitamina D dietetica è disponibile in alimenti come pesce azzurro, olio di fegato di merluzzo, carne rossa, cereali fortificati, creme spalmabili fortificate e tuorli d’uovo.

Il NHS afferma che l’assunzione di troppi integratori di vitamina D per un lungo periodo di tempo può causare l’accumulo di troppo calcio nel corpo, che può indebolire le ossa e danneggiare i reni e il cuore.

Se supera il limite superiore, può portare a nausea. Altri segni che hai preso troppo includono vomito, debolezza muscolare e perdita di appetito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.