Sente bussare alla porta e apre, Antonella Lopardo assassinata in un agguato mortale



La comunità del Cosentino si è svegliata sotto shock alla notizia dell’assassinio di Antonella Lopardo. La donna di 49 anni è stata uccisa dinnanzi alla sua abitazione a Cassano allo Ionio, nell’alto Cosentino. Pare che la vittima sia stata freddata da diversi colpi di arma da fuoco dopo aver aperto l’uscio di casa.



Un omicidio agghiacciante

Siamo di fronte ad un atroce omicidio che ha avuto luogo nella serata di martedì 2 maggio nella zona rurale e isolata di contrada Ciccotonno. Antonella avrebbe sentito suonare il campanello e, senza alcun motivo, ha aperto la porta di casa. Questo è stato il suo errore fatale, un colpo di arma da fuoco l’ha centrata al torace e al volto uccidendola sul colpo. Nonostante i tentativi di soccorso sono stati inutili.

Le indagini

I carabinieri della Compagnia di Cassano allo Ionio sono intervenuti poco dopo il crimine, iniziando immediatamente le indagini per ricostruire l’evento determinante e perché Antonella sia stata uccisa. Ovviamente, la comunità ha combattuto con dolore e interrogativi sulla matrice di questa esecuzione.

Dinamica dei fatti

Al momento, la dinamica dei fatti non è chiara, ma gli investigatori sospettano fortemente la matrice ‘ndranghetista. La procura di Castrovillari sta coordinando l’indagine e collaborando con la Dda di Catanzaro. Tutto sembra confermare l’ipotesi di un agguato pianificato con attenzione da organizzazioni criminali del territorio. Al momento non escludono nessuna ipotesi e non è chiaro se Antonella fosse il reale obiettivo del sicario o se il killer volesse colpire suo marito, il quale era presente in casa al momento del delitto. E’ in corso anche una verifica sull’identità del presunto colpevole e su eventuali complici.

La comunità del Cosentino chiede giustizia per Antonella e la sua famiglia. Non c’è dubbio che si tratti di un fatto inquietante, che richiede una risposta ferma ed efficace, e una maggiore attenzione alla sicurezza del territorio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *