House of Gucci film su Rai Movie: storia vera e finale spiegazione



Come finisce House of Gucci.La trama, il finale e la spiegazione del film

“House of Gucci”, la pellicola diretta da Ridley Scott, si avventura nel tumultuoso universo della famiglia Gucci, raccontando la storia di Patrizia Reggiani e del tragico destino di Maurizio Gucci. Interpretato da Lady Gaga e Adam Driver, il film esplora il mix letale di amore, potere e vendetta che culmina nel famigerato omicidio che ha scosso il mondo della moda.

Patrizia, interpretata con maestria da Lady Gaga, emerge nella narrazione come una figura ambiziosa e determinata, inizialmente impiegata come segretaria nell’azienda di trasporti di suo padre. Il suo incontro con Maurizio Gucci, erede dell’impero della moda e personaggio di spicco interpretato da Adam Driver, segna l’inizio di una storia d’amore appassionata e complessa. Nonostante gli ostacoli iniziali, inclusa la disapprovazione di Rodolfo Gucci (Jeremy Irons), il loro matrimonio sembra consolidarsi con la nascita della loro figlia e il successivo rientro nell’olimpo della famiglia Gucci.



Tuttavia, l’idillio si trasforma presto in campo di battaglia. Patrizia, animata da una crescente sete di potere, aspira a un ruolo attivo negli affari di famiglia, incontrando la resistenza di Maurizio. L’allontanamento di quest’ultimo, unito alla sua relazione con un’altra donna, spinge Patrizia verso una decisione estrema: l’assunzione di due sicari per eliminare Maurizio. La conclusione del film, con la condanna a 29 anni di carcere per Patrizia e la sua autodefinizione come vera erede del nome Gucci, lascia il pubblico a riflettere sulla natura del potere e della vendetta.

Sebbene “House of Gucci” abbia riscosso un significativo successo al botteghino e accolto recensioni in gran parte positive, con un punteggio del 63% su Rotten Tomatoes, non è mancata la controversia. Il dibattito si è concentrato in particolare sull’interpretazione dei personaggi, con critiche specifiche rivolte all’accento italiano utilizzato dagli attori. In Italia, la scelta stilistica di Lady Gaga ha suscitato particolare perplessità, sollevando questioni di autenticità e rappresentazione culturale.

Nonostante queste polemiche, “House of Gucci” rimane un’opera cinematografica di grande impatto, capace di mescolare dramma, suspense e un’acutezza psicologica che tiene gli spettatori incollati allo schermo. Il film non solo offre uno sguardo approfondito sui meccanismi interni di una delle dinastie più influenti della moda, ma pone anche interrogativi universali sul prezzo del successo e sull’essenza della lealtà familiare.

In definitiva, “House of Gucci” si afferma come un’importante aggiunta al genere del dramma biografico, arricchendo il panorama cinematografico con la sua narrazione avvincente e le performance eccezionali del cast. La storia di Patrizia Reggiani e Maurizio Gucci, con il suo intreccio di ambizione, tradimento e destino tragico, continua a catturare l’immaginario collettivo, dimostrando che la realtà può essere altrettanto affascinante, se non più, di qualsiasi finzione.

House of Gucci: Un Assassino, Due Morti

In “House of Gucci”, uno dei film più attesi e discussi dell’anno, la complessità emotiva e narrativa raggiunge il suo apice nella scena cruciale dell’omicidio. La pellicola, che ha visto la luce nei cinema italiani il 16 dicembre, è un intricato tessuto di glamour, potere e tragedia, dove ogni scelta regia e narrativa porta con sé un peso significativo.

La Scena Chiave

La scena dell’omicidio, centrale nel film, è stata oggetto di particolare attenzione da parte del regista Ridley Scott e dello sceneggiatore Robert Bentivegna. Quest’ultimo, in un’intervista rilasciata a Entertainment Weekly, ha svelato le sue riflessioni sulla morte di Maurizio Gucci (interpretato da Adam Driver) e sul ruolo di Patrizia Reggiani (Lady Gaga), riconosciuta come la mandante dell’omicidio.

Un Montaggio di Emozioni

Il montaggio alternato, che lega inscindibilmente il momento in cui Maurizio viene assassinato dai sicari e quello in cui Patrizia si immerge in una vasca da bagno, è una scelta stilistica che mira a sottolineare la dualità della morte. “Pensavo che fosse una sola morte, ma in realtà sono due morti,” riflette Bentivegna. La morte fisica di Maurizio si intreccia indissolubilmente con quella emotiva di Patrizia, che, in quel momento di profonda solitudine, realizza la portata irreversibile delle sue azioni.

La Colonna Sonora e le Riflessioni Finali

L’attenzione ai dettagli non si ferma alla sola rappresentazione visiva. La scelta di Ridley Scott di accompagnare i momenti precedenti l’omicidio con una colonna sonora soft, composta da delicati brani strumentali, contribuisce a creare un’atmosfera di tensione sottile. Questo contrasto sonoro anticipa la tragedia, mentre Gucci sorseggia un caffè, ignaro del suo destino.

Dopo l’assassinio, la scena si sposta su Patrizia, che annota sul suo diario la parola “paradiso”. Una parola che racchiude in sé un doppio significato: può rappresentare l’ascesa al cielo dell’anima del suo ex marito o, in un’interpretazione più personale e introspectiva, lo stato di pace interiore raggiunto da Patrizia una volta compiuto il delitto.



Lascia un commento