Novak Djokovic devastato dopo aver perso contro Sinner agli Australian Open: “È stata la mia partita peggiore”.



Il numero uno del tennis mondiale, Novak Djokovic, si confronta con una devastante sconfitta contro Jannik Sinner agli Australian Open, definendola come una delle sue “peggiori partite” in uno Slam.



In una sorprendente conferenza stampa, Djokovic si svela scioccato dalla sua prestazione nella semifinale. “Sono rimasto scioccato dal mio livello… questa è stata una delle peggiori partite del Grande Slam che abbia mai giocato. Almeno questo mi ricordo”, ammette il campione serbo. Un momento di fragilità per un tennista solitamente dominante.

Jannik Sinner, con il suo gioco potente e le abilità tecniche, merita la vittoria contro Djokovic, interrompendo una serie vincente del serbo durata oltre 2000 giorni. Djokovic, seppur deluso, riconosce i meriti del giovane avversario e elogia il suo coach Darren Cahill e il team di Sinner per il miglioramento visibile nelle sue abilità mentali e nel servizio.

Djokovic, sincero, rivela di non aver mai raggiunto il suo massimo livello durante l’intero torneo. Pur considerando la semifinale un risultato accettabile, il campione si aspetta sempre il massimo da sé stesso e ammette la sorpresa della sconfitta. Questo momento segna una fase cruciale nella carriera di Djokovic, evidenziando la crescente competitività del tennis, con giovani talenti come Sinner pronti a sfidare le leggende del gioco. La sconfitta, un colpo inaspettato, rivela un nuovo capitolo nell’evoluzione del panorama tennistico mondiale.



Lascia un commento