Scontro fatale: pensionato muore sul colpo dopo impatto con cervo



Gianfranco Palma, pensionato originario di Salerno ma residente a Milano, ha perso la vita in un tragico incidente stradale a Is Molas, nel sud della Sardegna, dopo essersi schiantato in scooter contro un cervo.



CAGLIARI, Italia – Un altro drammatico incidente stradale si è verificato sulle strade italiane, aggiungendosi alla lista di tragiche fatalità che coinvolgono la fauna selvatica. Gianfranco Palma, un pensionato di 68 anni originario di Salerno ma residente a Milano da molti anni, è deceduto in un incidente con lo scooter. Il sinistro è avvenuto in via Fra Nazareno, a Is Molas (Pula), nel sud della Sardegna, dove l’uomo si trovava in vacanza.

L’Incidente

Gianfranco Palma stava percorrendo via Fra Nazareno quando il suo scooter si è scontrato violentemente con un cervo che attraversava la strada. L’impatto con l’animale e la conseguente caduta si sono rivelati fatali. Nonostante l’intervento tempestivo dei soccorritori del 118, per il pensionato non c’è stato nulla da fare. I sanitari hanno potuto solo constatare il decesso sul posto.

I Rilievi dei Carabinieri

Fino a notte inoltrata, i carabinieri della stazione di Pula hanno eseguito i rilievi sul luogo dell’incidente, cercando di ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto. Come riportato dall’Unione Sarda, questo non è il primo incidente causato dalla presenza di animali sulla carreggiata in quella zona, sollevando preoccupazioni sulla sicurezza stradale e la gestione della fauna selvatica.

Un Problema Ricorrente

L’incidente che ha causato la morte di Gianfranco Palma mette in luce un problema ricorrente nelle aree rurali e semi-rurali italiane: la presenza di animali selvatici sulle strade. La collisione con fauna selvatica rappresenta un pericolo significativo per i conducenti, in particolare per quelli su veicoli a due ruote. Le autorità locali sono chiamate a intensificare le misure di sicurezza e a implementare soluzioni efficaci per prevenire simili tragedie in futuro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *