Aereo civile russo si schianta in Sinai: 220 vittime, 17 erano bambini

0

Un aereo russo che trasporta quasi 220 persone dall’Egitto alla Russia, e si è schiantato nella penisola del Sinai, secondo le autorità russe ed egiziane.
Il Kolavia Flight 7K9268, un Airbus A321, era scomparso dai radar appena 23 minuti dopo il decollo dallo Sharm El-Sheikh International Airport, secondo ii dati preliminari divulgati ai media da Sergey Izvolskiy.
L’aereo, sempre secondo quanto affermato dal funzionario russo, trasportava 212 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio, tra i passeggeri vi erano 17 bambini.

Il primo ministro egiziano Sherif Ismail ha confermato che l’aereo russo è scomparso nella penisola del Sinai e ha detto che un comitato di crisi a livello di gabinetto è stata convocato per affrontare il grave incidente.
Il luogo dell’incidente è stato scoperto qualche ora dopo in una zona montuosa desolata del Sinai centrale, tutti i passeggeri e i membri dell’equipaggio si presumono siano rimati uccisi nel violento schianto, fonti egiziane ha detto riferito a Reuters.

L’aereo era in viaggio dalla famosa località turistica sul mar Rosso indirezione di San Pietroburgo, ha segnalato RIA Novosti. E faceva parte della compagnia aerea Kogalymavia, che utilizza anche il marchio Metrojet.
L’aereo avrebbe dovuto contattare il traffico aereo a Larnaca, nella Cipro turca, ‘dopo aver lasciato lo spazio aereo dell’Egitto, ma la comunicazione non si è mai verificata
Una fonte a Sharm El-Sheikh RIA Novosti ha detto il pilota dell’aereo scomparso aveva richiesto un cambiamento di rotta, dicendo che il jet avrebbe dovuto atterrare al Cairo.
La fonte ha aggiunto che l’equipaggio dell’aereo caduto si era lamentato alla radio per il servizio tecnico dell’aeroporto, in quanto il jet presentava dei problemi al motore. Dunque nessuna manovra azzardata da parte del pilota, ma solo un problema tecnico, ma bisognerà recuperare la scatola nera per verificare con attenzione le dinamiche dell’accaduto.

In un comunicato, appena rilasciato, del Ministero dell’Aviazione civile egiziana si informa che le squadre di soccorso hanno trovato il relitto del jet nella zona di Hassana sud dellacittà di el-Arish, dove le forze di sicurezza egiziane stanno combattendo alcune fazioni islamici in insurrezione. Nonostante la zona calda, i soccorritori sono già riusciti a prelevare le vittime dal luogo dell’incidente.

La Metrojet è stata coinvolta in un altro incidente fatale 4 anni fa, nel 2011, quando uno dei suoi aerei ha preso fuoco su una pista dell’Aeroporto di Surgut, negli Urali. Tre persone erano morte e 40 sono rimaste ferite mentre l’aereo era stato avvolto dalle fiamme nell’arco di soli 10 minuti.
L’ultimo grave tragedia per la compagnia aerea russa è stata registrata nel novembre del 2013, quando il Tatarstan Airlines Flight 363 si è schiantato al Kazan International Airport durante il tentativo di atterrare. Cinquanta persone persero la vita in quell’incidente.

Appena due giorni fa, un boeing 767 della compagnia Dynamic, aveva preso fuoco sulla pista dell’aeroporto di Fort Lauderdale / Hollywood International Airport,  Florida, ancora prima di decollare verso Caracas. Nessun morto in quell’incidente, ma un ferito grave è stato registrato durante le operazioni di salvataggio.

Loading...
SHARE