Paternò, marito uccide moglie e i due figli di 4 anni e 6 anni

Paternò, marito uccide moglie e i due figli di 4 anni e 6 anni. Strage a Paternò, in provincia di Catania, in Sicilia. Secondo la prima ipotesi Gianfranco Fallica, consulente finanziario di 35 anni, avrebbe ucciso la moglie Cinzia Palumbo, di 34 anni e loro due figli, Daniele e Gabriele, di 4 e 6 anni. Aperta l’inchiesta. La strage è avvenuta in Sicilia, e precisamente a Paternò, in provincia di Catania. Potrebbe trattarsi, secondo una prima ipotesi su quanto possa essere accaduto, di un omicidio-suicidio.

A definirla in questo modo sono stati i carabinieri e la Procura di Catania, a seguito del sopralluogo effettuato dal medico legale. A morire è stata un’intera famiglia, madre, padre e i loro due bambini di 4 e 6 anni. Gianfranco Fallica, consulente finanziario di 35 anni, potrebbe essere stato l’artefice dell’uccisione della moglie Cinzia Palumbo, di 34 anni e dei loro due figli, Daniele e Gabriele. Subito dopo Gianfranco si sarebbe tolto la vita.

Sono stati i parenti più stretti della famiglia a dare l’allarme non avendo più loro notizie. L’uomo deteneva regolarmente una pistola calibro 22 che sarebbe probabilmente stata l’arma del delitto, avvenuto nella loro abitazione al centro della città. L’esame autoptico verrà condotto sui corpi nel prossimi giorni e per il momento l’inchiesta su quanto sia avvenuto è stata aperta dalla Procura di Catania. I copri della donna e dei bambini sono stati ritrovati sul letto mentre per terra, vicino all’arma, si trovava quello dell’uomo. A rinvenire i corpi in tale stato è stato il padre della donna.

Allarmato del fatto di non avere notizie della figlia, è entrato nell’appartamento con la copia di chiavi che possedeva. L’inchiesta è coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall’aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Salvatore Distefano. In merito alla vicenda si è espresso il sindaco di Paternò, Nino Naso: “È una tragedia”, ha dichiarato, “che non riusciamo a spiegarci, una famiglia perbene, di lavoratori. La città tutta soffre, non possiamo far altro che stringerci attorno ai familiari e ai partenti, un intero paese soffre. Questa famiglia mancherà all’intero paese”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.