“Avevo un fortissimo prurito e mi sono grattato”, finisce in ospedale con una bottiglia incastrata nel di dietro

Pubblicato il: 22 Dicembre 2019 alle 5:46

Un uomo di 60 anni si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale con una bottiglia infilata nell’ano. Ai medici avrebbe detto di averla “usata” mentre cercava di grattarsi il sedere per “alleviare un forte prurito”.

Secondo quanto scrive Metro.co.uk, il 60enne cinese si sarebbe presentato in un ospedale della provincia del Guangdong, nella Cina meridionale, lamentando un dolore all’addome.

Gli specialisti lo hanno sottoposto ad analisi, scoprendo una bottiglia di acqua di Colonia del diametro di 5 centimetri e della lunghezza di 18 cm circa collocata “saldamente” nel suo fondoschiena.

Il gastroenterologo Dr. Lin Jun, che ha eseguito l’intervento di chirurgia anale, ha rilasciato le foto al termine della stessa operazione come avvertimento per il prossimo a “non fare lo stesso” errore. “Il paziente mi ha detto: ‘Mi fa male l’addome.

C’è qualcosa dentro. Non posso fare la cacca o emettere flatulenze’. L’intera bottiglia di vetro era nel suo retto. Potevo sentirla sotto il suo addome. Ha detto che il suo ano gli dava prurito. Ha raccontato: ‘Ero molto a disagio, quindi ho comprato una bottiglia di Florida Water e ho iniziato a grattarmi per prurito. Quindi la bottiglia è salita accidentalmente nel mio retto’”. Il dotto Lin Jun ha aggiunto:

“È meglio consultare un medico e lasciare che sia un professionista ad aiutarti piuttosto che tentare di risolvere situazioni simili acquistando strumenti e cose del genere”. Non si prevede che il paziente subisca effetti a lungo termine, a parte l’imbarazzo. Nell’agosto di quest’anno un altro paziente ha avuto lo stesso problema con la stessa marca di acqua di Colonia. I medici sono stati costretti ad anestetizzarlo dalla vita in giù e un filo metallico è stato utilizzato per agganciare la bottiglia prima che fosse estratta dal retto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *