Scoperto nuovo ciclone su Giove che sfida ciò che già si sapeva del fenomeno

Pubblicato il: 16 Dicembre 2019 alle 5:35

Un nuovo e inatteso imponente ciclone è stato registrato sul polo sud di Giove durante l’ultimo sorvolo del pianeta gigante da parte della sonda spaziale Juno della NASA, lo scorso 3 novembre. Quando la sonda è arrivata nei pressi del pianeta gassoso per la prima volta nel luglio 2016, le sue telecamere a infrarossi e a luce visibile hanno scoperto cicloni giganti che circondavano i poli del pianeta: nove a nord e sei a sud.

Erano, come i loro fratelli terreni, un fenomeno transitorio che impiegava solo poche settimane per svilupparsi e poi diminuire? Oppure questi cicloni, ciascuno ampio quasi quanto gli Stati Uniti, potrebbero essere strutture più permanenti? Furono queste le domande che si posero gli scienziati.

Nella foto seguente, uno schema degli Stati Uniti continentali è sovrapposto al ciclone centrale e uno schema del Texas è sovrapposto al ciclone più recente sul polo sud di Giove, per dare un’idea della sua immensa scala.

Ad ogni sorvolo, i dati rinforzano l’idea che le cinque tempeste di vento turbinassero in uno schema pentagonale attorno a una tempesta centrale nel polo sud e che il sistema sembrava stabile. Nessuna delle sei tempeste ha mostrato segni di cedimento per consentire ad altri cicloni di unirsi.

Ma il diagramma sovrapposto all’immagine successiva del nuovo gruppo di 7 cicloni, incluso quello appena scoperto, mostra che si sono riuniti e organizzati attorno al ciclone centrale. “Sembrava quasi che i cicloni polari facessero parte di un club privato che sembrava resistere ai nuovi membri“, ha dichiarato Scott Bolton, investigatore principale della missione Juno presso il Southwest Research Institute. Ma durante il 22esimo sorvolo scientifico , un nuovo ciclone più piccolo ha preso e si è unito alla mischia.

Analizzando lo strato meteorologico fino a 50-70 chilometri sotto le nuvole di Giove, JIRAM cattura la luce infrarossa che emerge dalle profondità di Giove. I dati indicano che la velocità del vento del nuovo ciclone è in media di 362 chilometri orari, paragonabile alla velocità riscontrata nei suoi sei colleghi polari più affermati.

La JunoCam del veicolo spaziale ha anche ottenuto immagini di luce visibile del nuovo ciclone. I due set di dati gettano luce sui processi atmosferici non solo di Giove ma anche di altri giganti gassosi come Saturno, Urano e Nettuno, nonché quelli dei giganteschi esopianeti che ora vengono scoperti. Hanno anche fatto luce sui processi atmosferici dei cicloni della Terra.

Questi cicloni sono nuovi fenomeni climatici che non sono mai stati visti o previsti prima“, ha detto Cheng Li, uno scienziato Juno dell’Università della California, Berkeley. Il sorvolo ha anche segnato una vittoria per il team della missione, le cui misure innovative hanno mantenuto il veicolo spaziale alimentato da energia solare, libero da quella che avrebbe potuto essere un’eclissi che avrebbe posto fine alla missione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *