Caterina Balivo, per il suo compleanno vuole il terzo figlio

Soffia con entusiasmo su quaranta candeline alla fine di una festa piena di musica e di balli sfrenati, conclusasi a tarda notte. Ma il regalo dei sogni deve ancora arrivare per Caterina Balivo, che ha appena tagliato un traguardo molto importante per una donna. La conduttrice di Vieni da me entra così nella fase più bella della vita, quella dei primi bilanci e dei progetti ancora da realizzare. Anche se di tirare le somme non vuole saperne, a causa della sua innata irrequietezza. Caterina – frizzante nel privato così come in Tv – ha le idee ben chiare sul futuro. «Sono mamma di due figli e desidero il terzo, lo farei domani», ha rivelato.

Dopo la nascita di Guido Alberto e di Cora, avuti dal marito Guido Maria Brera, l’obiettivo quindi è di allargare ancora la famiglia. Del resto, quella con il finanziere e scrittore romano è una storia d’amore da favola, suggellata con le nozze, celebrate a Capri il 30 agosto del 2014 con rito civile. Un legame pieno di passione e romanticismo, che la nascita dei loro due figli ha reso perfetto.

Ad aver frenato – almeno finora – il desiderio di avere un altro bebé, semmai è proprio la paura di rovinare questo idillio fantastico. «Significherebbe ancora una volta inseguire il tempo, lavorare sugli equilibri familiari», ha spiegato Caterina, «sarebbe ancora mettere da parte mio marito e con Cora, la piccola, siamo appena usciti dallo tsunami del secondo figlio».
Insomma, testa e cuore sono in conflitto dato che Brera (il quale ha altri due figli, avuti dalla sua ex) sarebbe più propenso a chiudere il cerchio. Ma Caterina non ha affatto l’aria di chi si arrende facilmente. La sua indole è combattiva e la grinta non le manca.

La conduttrice è un misto di fascino, eleganza e determinazione. Dalla sua partecipazione a Miss Italia, datata 1999, a oggi non si è più fermata. E raggiunge sempre i suoi obiettivi. «Se voglio una cosa, me la prendo!», è il motto preferito. Il lavoro le occupa il sessanta per cento della vita e i frutti si vedono. Il suo show pomeridiano di Raiuno, che è ispirato ai grandi talk americani – come quello dell’attrice Ellen DeGeneres, icona della tivù a stelle e strisce -, ne è l’esempio: dopo aver lasciato Detto fatto per cimentarsi in questa nuova avventura, all’inizio ha faticato un po’.

Mesi trascorsi a migliorare il format, a perfezionarsi e a prendere confidenza con la nuova realtà fino a farla diventare un appuntamento da due milioni di telespettatori a puntata.
Rispetto al settembre 2019 sono mezzo milione di spettatori in più: un successo. Tanto è vero che voci di corridoio a viale Mazzini parlano di un nuovo progetto ambizioso quasi pronto per lei, a partire dal settembre di quest’anno.

Nella vita però non si vince sempre. E Caterina lo sa bene. Anche per questo ha raccontato di aver subito diverse delusioni amorose in passato e di essere stata tradita dai suoi ex fidanzati. «Sì, è accaduto. Io penso che alla maggior parte del genere maschile non basti una sola donna», ha ammesso con la solita ironia. Ed ecco perché, nonostante l’amore con Guido Maria Brera sembri inattaccabile, Caterina continua imperterrita a monitorare la loro relazione senza distrarsi troppo.

Dopo dieci anni di legame, la Balivo non nasconde di controllare ancora il cellulare del marito, che in passato ha avuto anche un flirt con l’attrice Serena Autieri: proprio come faceva all’inizio del loro fidanzamento. «La differenza è che ora lo avverto: “Amore, prendo il tuo telefono!”», ha raccontato lei, scherzando, ma non troppo. Vuole proteggere da qualunque insidia l’uomo che ha conquistato.

Oggi conduce una trasmissione di successo, vanta più di un milione di fan su Instagram, ha un marito bello e influente, due figli adorabili. Sembra tutto perfetto. Caterina, però, non si monta la testa. «Non mi sento né euforica né depressa, ma grata alla vita», ha detto.
La maturità dei suoi primi quarant’anni comincia già a farsi sentire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *