Charlotte Casiraghi e Dimitri Rassam, dopo il lockdown storia in crisi?

Pubblicato il: 19 Giugno 2020 alle 1:18

Si è sposata a giugno scorso la figlia della principessa Carolina di Monaco. Ma ora, secondo la stampa francese, attraverserebbe un periodo difficile con il marito produttore. Durante il lockdown trascorso nella dimora di Barbizon avrebbero vissuto in ali separate della casa. L’espressioni dei due sposi sono senza sorriso.

Riservatissima Charlotte Casiraghi, figlia della principessa Carolina di Monaco: è apparsa in pubblico per l’ultima volta poco dopo la metà di febbraio, alla sfilata parigina di Saint Laurent, con una bandana in testa che ha fatto subito tendenza. E ora, ben quattro mesi dopo, eccola in queste immagini esclusive sempre a Parigi con il marito, il produttore Dimitri Rassam, e il loro bambino, Balthazar in braccio a mamma.

In mezzo, il lockdown da coronavirus che ha colpito pure la Francia e, secondo la stampa d’Oltralpe, anche una crisi di coppia tuttora in corso a un anno dal doppio matrimonio – con rito civile e religioso – di giugno scorso. Questi i fatti, secondo i giornali francesi: Charlotte e Dimitri con Balthazar e Raphael, il figlio che lei ha avuto dall’ex compagno, l’attore Gad Elamleh, avrebbero trascorso la quarantena nella dimora di Barbizon, paese vicino alla foresta di Fontaine-bleau. Ma quello che doveva essere un soggiorno agreste lontano dal cemento parigino si sarebbe rivelato complesso da gestire, con i due sposi confinati ciascuno in un’ala della casa.

Charlotte con i bambini, Dimitri molto preoccupato del blocco dei set e delle produzioni. Insomma, progetti in stand-by e tanti pensieri. La convivenza forzata durante il lockdown, nei fatti, ha costretto tanti partner a trovare nuovi equilibri. A maggior ragione, forse, questo è stato valido per Gharlotte sempre molto indipendente e per suo marito. In queste immagini, dopo il ritorno a Parigi, tra cani, bambini e borse della spesa apppaiono tutti e due corrucciati. Crisi molto seria o solo nuvole scure ma passeggere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *