Fiumicino, commercianti cinesi in aeroporto con tre milioni di euro nel trolley

All’aeroporto di Fiumicino gli agenti della Polizia hanno fermato due commercianti cinesi che nei loro bagagli nascondevano 3 milioni di euro che da Roma stavano per essere portati illegalmente in Cina. Quando abbiamo proposto di far versare come cauzione minimo 30mila euro agli extracomunitari che vogliono aprire un’attività in Italia, PD e M5S hanno votato contro. Per loro la priorità è massacrare di tasse i commercianti italiani, che devono combattere pure contro questa concorrenza sleale. Domenica vinciamo in Calabria e in Emilia-Romagna e mandiamoli a casa!

Sabato scorso, nella rete dei poliziotti, è finito un altro cittadino di nazionalità cinese, di 48 anni, con carta d’imbarco per un volo con scalo a Pu Dong e prosecuzione alla volta di Hong Kong. Operazione fotocopia svolta di concerto con la sicurezza degli Aeroporti di Roma su alcuni bagagli sospetti. Anche in questo caso gli agenti invitavano il passeggero a aprire i trolley al cui interno scoprivano, tra gli indumenti personali, diversi pacchetti, a forma di mattoncino, avvolti con carta di giornale che nascondevano 1.8 milioni tutti in banconote da 50 euro. Entrambi i cinesi sono stati denunciati per esportazione di valuta clandestina, riciclaggio e evasione fiscale.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *