Press "Enter" to skip to content

Giorgia Meloni contro Giuseppe Conte: ”Vuole rissa continua, è nervoso”

Si riaccende il fuco dopo un nota di Palazzo Chigi, il litigio sulla conferenza stampa di Giuseppe Conte che divulgava il prolungamento del lockdown in piena emergenza coronavirus.

Nello specifico a far andare su tutte le furie dell’opposizione è il seguente passaggio:

«Nell’occasione (il premier ndr) ha smentito vere e proprie fake news che rischiavano di alimentare divisioni nel Paese e di danneggiarlo».

Tutto questo ha indignato anche il deputato di Italia viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

«La nota anonima dell’ufficio stampa di Palazzo Chigi, non firmata da nessuno, è davvero un’indecente presa in giro».

Ira della Lega. «Anche a Pasquetta il governo trova il tempo di attaccare Lega, opposizioni e giornalisti, una vera e propria ossessione». Così una nota della Lega. «Gli italiani gradirebbero lo stesso impegno nel fornire almeno una mascherina protettiva ad ogni cittadino, invece di chiacchiere. Oppure nel garantire il pagamento della cig in tempi decenti e non fra settimane, come accadrà. O nell’aiutare le imprese con soldi veri, e non solo a parole o con debiti. Se l’obiettivo di sconfiggere il virus è comune, la smettano di insultare e di aspettare dall’Ue un aiuto che non arriva e che ancora non arriverà».

Meloni: premier cerca rissa continua. «Non vedo perchè tornare su questa polemica dopo due giorni. Conte sa benissimo che utilizzare una conferenza stampa per annunciare la proroga del lockdown per attaccare le opposizione è un atto di bullismo istituzionale». Così Giorgia Meloni, interpellata dall’ANSA. «Questo tentativo di Palazzo Chigi di mantenere una rissa costante con le opposizioni è un gioco irresponsabile al quale non ci prestiamo. Evidentemente è particolarmente nervoso, capiamo le ragioni, ma non siamo noi l’oggetto del suo sfogo continuo. Mi risponda nel merito sul Mes».

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *