Mara Venier, dopo la paura per la polmonite del marito Nicola Carraro, nuova disavventura

Pubblicato il: 14 Giugno 2020 alle 3:16

Dopo la paura per la polmonite del marito Nicola Carraro, nuova disavventura per la conduttrice: è caduta dalle scale di casa poco prima di andare in studio per la diretta di “Domenica In”. Eccola, in queste immagini esclusive, mentre si fa accompagnare all’ospedale dopo avere terminato la puntata nonostante il dolore. «Pensavo di non arrivare aliatine, invece ce l’ho fatta! Mi hanno accudito come una nonna. Questo mi commuove perché in questo periodo sono vulnerabile»

Frattura al piede sinistro. Nel dettaglio, frattura del cuboide, un osso breve del tarso che ha la forma di un cubo. Ecco le immagini esclusive di Mara Venier che, dopo la diretta di Domenica In, è scortata in ospedale dall’autista, dalla figlia Elisabetta Ferracini con il marito e anche dal figlio di Mara, Paolo Capponi.

La signora della domenica è caduta dalle scale di casa poco prima che il suo autista la andasse a prendere per accompagnarla agli studi della Dear dove da mesi, contro ogni virus, Mara fa le dirette. Molte senza pubblico, con i collegamenti dalle case delle star bloccate dal lockdown. Stacanovista, solare, Mara è una forza della natura. «Mi sono subito rialzata e il mio autista mi ha portato a fare “Domenica In”, ma dopo mezz’ora il piede era gonfio e nero.

Ho capito che c’era una frattura, mi sono detta: “Io provo ad andare lo stesso in diretta”. In cuor mio non pensavo di farcela fino alla fine, invece ci sono riuscita». Dopo lo spavento per la recente polmonite del marito Nicola, ecco un’altra dura prova per la Venier. «Mi sono stati tutti vicini. Mi hanno portato in braccio, mi hanno accudito come una nonna.

Questo mi commuove perché in questo periodo sono vulnerabile», ha detto la conduttrice. Resta da capire se la trasmissione continuerà fino al 28 giugno, visto che a Mara è stata raccomandata una convalescenza di 25 giorni. Ma troverà il modo di incantare il suo pubblico anche da ferma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *