Osvaldo Paterlini chi è il marito Orietta Berti? Età, malattia e carriera

E’ una bellissima storia d’amore quella tra Orietta Berti e Osvaldo Paterlini. La cantante dai capelli coloratissimi e corti, è famosissima in Italia. Il suo Osvaldo ha sempre dichiarato la sua intenzione di diventare un gran pilota di rally ma, per amore Orietta Berti ha rinunciato visto la pericolosità di quel mestiere, dedicando la sua vita ad altro.

Era il 1967 quando si sposarono. Lui più grande di lei di qualche anno, la coppia è stata sempre restia a divulgare fatti di vita privata. Da allora amore sono nati due figli: Otis e Omar.

Orietta Berti avrebbe conquistato Osvaldo Petrolini con un caffè al cioccolato, mentre lui con un pezzo di formaggio consumato insieme al nonno.

Le strategie d’amore si sono rivelate comunque vincenti visto che i due si sono sposati nel 1967 e dalla loro relazione sono nati Omar e Otis, i due figli di Orietti. Non è un caso, bensì una tradizione, che in famiglia tutti i nomi inizino con la lettera O.

Prima dell’inizio della relazione con Osvaldo, si era parlato di una relazione tra Orietta e Teo Teocoli. La cantante ha sempre negato che tra i due ci fosse una storia ma ha rivelato che il comico era decisamente il più bello e simpatico della comitiva.

“A settembre mio marito dovrà operarsi per la quinta volta per una malattia agli occhi: per ora vede delle ombre, ma non è cieco completamente”. Così Orietta Berti rivela in esclusiva a ‘Diva e Donna’, in edicola da domani, il dramma che sta vivendo per le difficili condizioni di salute di Osvaldo Paterlini, suo marito e manager da oltre 40 anni.

In tournée estiva la cantante, di cui ad ottobre uscirà l’ultimo disco dal titolo ‘Swing’, aggiunge: “La cosa più importante è che non si abbandoni allo sconforto, per fortuna si è ripreso da una depressione: rifiutava la situazione, era sfiduciato. Mi auguro che tutto vada bene, che Osvaldo si riprenda e che possa accompagnarmi anche solo nei viaggi brevi. Senza di lui – ha concluso la cantante – mi sento persa”.

Condividilo!

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono contrassegnati *