Pensione invalidità ultime notizie sull’aumento: a chi spetta, come fare domanda

Pubblicato il: 14 Ottobre 2020 alle 11:35

Pensione invalidità ultime notizie sul possibile aumento. Da un po’ di tempo a questa parte si parla di un possibile incremento al milione che spetterebbe agli invalidi civili di età compresa dai 18 ai 60 anni. A illustrare la situazione ci ha pensato direttamente l’Inps con il messaggio numero 3647 del 9 ottobre 2020.

Pensione invalidità ultime notizie sull’aumento, arriva nuova circolare

L’Inps ha voluto così dare delle istruzioni su come poter presentare la domanda, ovviamente per tutti coloro che in automatico non ricevono l’aumento. Per poter beneficiare di questo aumento, con decorrenza retroattiva, dunque a partire dal mese di agosto, la domanda bisognerà che venga inoltrata entro il 30 di ottobre. È stato grazie al Decreto 104 del 2020, ovvero il cosiddetto decreto di agosto che è stato predisposto l’aumento anche per tutti coloro che sono maggiorenni ma che hanno comunque meno di 60 anni.

Ma a chi spetta questo beneficio? Ovviamente agli invalidi civili totali o porti o ciechi civili assoluti che siano titolari di una pensione. È importante anche che questi siano titolari di pensione di inabilità previsto dall’articolo 2 della legge 12 giugno 1984 numero 222. Ovviamente per poter capire con certezza se l’aumento della pensione riconosciuta dall’INPS spetta o meno, bisognerà anche rispettare il requisito di reddito sia individuale che coniugale.

A quanto ammonta l’aumento?

Volendo fare un esempio pratico, gli invalidi civili totali o ciechi civili assoluti e Sordi che hanno quindi diritto all’aumento della pensione, lo riceveranno in automatico. Si passa così da 286,81 euro a 651,51 euro a partire dallo scorso 20 luglio. Ai sensi della legge 222/1984 i titolari dei trattamenti previdenziali dovranno presentare una specifica domanda per ottenere il beneficio.

Come e dove presentare la domanda per poter beneficiare dell’aumento

Questa domanda si potrà presentare o direttamente dal cittadino o al traverso degli intermediari. Bisognerà essere in possesso dei dati di accesso ai servizi on-line sul sito www.inps.it. Inoltre, bisognerà accedere al servizio “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”. Una volta preselezionata la domanda di ricostituzione bisognerà anche selezionare la seguente tipologia il prodotto Gruppo: RICOSTITUZIONI/SUPPLEMENTI; Prodotto: REDDITUALE; Tipo: MAGGIORAZIONE SOCIALE. Se i titolari di pensione di inabilità presentano una domanda di beneficio entro il 30 ottobre 2020, la decorrenza viene riconosciuta a partire dal primo agosto. Questo ovviamente nel caso in cui questo sia specificatamente richiesto. Rettificato proprio in questi giorni, il termine di presentazione della domanda, che era fissato al 9 ottobre 2020 dalla circolare n.107/2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *