Pensione minime a mille euro in Campania: requisiti e date versamenti, tutto quello che c’è da sapere

Pubblicato il: 27 Maggio 2020 alle 10:05

Si è tanto parlato in questi giorni di pensioni minime in Campania a €1000. Ma cosa c’è da sapere su questa misura di sostegno tanto annunciata dal Presidente della Regione Vincenzo De Luca? Vediamo qui di seguito che tipo di contributo è, quali sono le date previste per l’erogazione e la durata del provvedimento. Il pagamento, come spiegato dalla regione arriverà “Nei mesi di maggio e di giugno prossimi” quando “A tutti i pensionati la Regione Campania erogherà un contributo tale da garantire i 1.000 euro al mese”. Stando a quanto è emerso, non sarà necessario fare domanda ma sarà un’integrazione automatica, visto che i nomi e le situazioni reddituali dei pensionati sociali sono già noti all‘Inps.

Pensioni minime in Campania, a quando il versamento?

Poste Italiane sembra aver comunicato che a partire da ieri 26 maggio 2020, è partita la consegna dei soldi. Per quanto riguarda le pensioni di giugno queste saranno accreditate sul libretto di risparmio, un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. Secondo quanto riferito, i titolari di carta Postamat, carta libretto o Postepay Evolution potranno così prelevare i contanti da oltre 7000 ATM Postamat in Italia. Nel caso in cui non siate titolari di supporti telematici, quindi siete costretti a recarvi agli sportelli è previsto un calendario con tutti i turni.

Ecco il calendario con tutti i turni previsti:

– i cognomi dalla A alla B martedì 26 maggio
– dalla C alla D, mercoledì 27 Maggio
– dalla L alla O, venerdì 29 maggio
– dalla P alla R, sabato mattina 30 maggio
– dalla S alla Z, lunedì 1° giugno.

Pensioni minime a mille euro, a chi spettano?

Nelle scorse settimane la regione Campania pari abbia promesso una integrazione fino a €1000 per quanto riguarda le pensioni. Questa misura è stata pensata non soltanto per i mesi di marzo, ma anche inizio giugno e il contributo sarà pagato dall’INPS ed inserito sull’assegno sociale. Questa cifra rientra nel piano straordinario straordinario fino a 604 milioni che il governatore De Luca ha messo in atto proprio per dare un contributo economico non indifferente a tutti i pensionati, dando così modo di poter affrontare spese come l’acquisto di mascherine, guanti e farmaci per l‘assistenza socio-sanitaria.

 “In queste ultime settimane l’emergenza da Covid ha acuito la condizione di difficoltà di tantissime famiglie che si sostengono solo grazie alle pensioni di invalidità e di reversibilità. Chiediamo al Presidente De Luca di estendere l’integrazione a mille euro, già prevista per le pensioni sociali, anche a queste categorie di pensioni, specie quando costituiscono l’unica fonte di reddito per le famiglie.”. Questo quanto hanno fatto sapere i consiglieri regionali Enzo Alaia e Giovanni Zannini in una lettera invita al Governatore della Campania.

Controcopertina.com grazie alla nostra Redazione seria e puntuale siamo stati selezionati dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui. Oppure iscriviti sul nostro Gruppo Facebook dedicato alle pensioni cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *