Video Highlights Parma – Inter 1-2, Gol e Sintesi

Pubblicato il: 29 Giugno 2020 alle 6:58

Clamoroso al Tardini Quando tutti sono convinti che il Parma abbia la vittoria In tasca, e il cronometro segna il 38’ del secondo tempo, I’Inter s’impenna, ribalta il copione e con due Inzuccate si porta via i tre punti, tenendo a distanza l’arrembante Atalanta nella lotta per il terzo posto. Il successo del nerazzurri ha dell’Incredibile perché fino al momento del gol del pareggio di De VrlJ (casuale dopo un tocco di Lautaro, sempre di testa) è il Parma a meritare di più.

Ma II calcio è un mistero senza fine bello proprio per questa ragione: è capace di sconvolgere la logica e di far arrivare In tavola un menu che proprio nessuno ha Immaginata Dopo il pari con il Parma cui sono saltati i nervi e ne è la prova l’espulsione per proteste di Kucka, una discesa di Moses sulla destra manda In tilt la difesa degli emiliani: cross pennellato di sinistro e sul secondo pala solo soletto, c’è Bastoni che appoggia In rete. E’ Il 42′ della ripresa. In 4’ l’Inter si esibisce In una rovesciata che spegne le polemiche già pronte ad affiorare dopo la prestazione, non certo esaltante, del Tardini.

Le sofferenze

Già, perché Timer barcolla fin dal primi minuti. Il centrocampo viene saltato e per gli attaccanti del Parma, a tu per tu con 1 difensori, è come fare una scampagnata: Gervinho si diverte contro D’Ambrosio, Kulusevskl Ipnotizza Godln e solo De VrlJ, di forza, regge li confronto con Cornelius. Il piano studiato da Antonio Conte, che, squalificato, osserva Impotente dalla tribuna, salta subito: Il collega e amico D’Aversa piazza Scozzanella su Erlksen. a uomo e a tutto campo, e la mossa ricorda molto il Furino o TOrlall che mordeva le caviglie di Rivera, con la differenza che Erlksen non è Rivera e dunque Nnter patisce parecchio. Manca luce, non c’è nessuno che abbia un’Idea, la manovra procede orizzontale e Il pallone finisce sulle fasce dove Candreva (a destra) e Blraghl (a sinistra) scodellano cross su cross. Così, Incapaci di costruire qualcosa che non sla un tiro da fuori (Lautaro In principio),

I nerazzurri si spazientiscono e concedono al Parma Tarma che preferisce, Il contropiede. Al 15’, lancio di Kucka da destra a sinistra: Gervinho stoppa, si beve prima Candreva e poi D’Ambrosia e piazza un diagonale sul quale Handanovic non può nulla. La reazione è un colpo di testa di Godln.

Ritmo lento

II ritmo dell’Inter è troppo lento per creare problemi. E soprattutto una grande squadra non può avere In mano soltanto una chiave per aprire le gare: se Eriksen viene cancellato, d dovrà pur essere un altro modo (che non siano i traversoni dalle fasce) per raggiungere Lautaro e Lukaku, 1 quali sono sempre chiamati in causa dal compagni quando hanno le spalle rivolte alla porta avversarla c così diventa più complicato arrivare dalle parti di Sepe. Alla monotonia proposta dal nerazzurri nel primo tempo, Il Parma risponde con Improvvise accelerazioni: al 25’ Kulusevsklisalta Godln e calcola male il tiro a giro di sinistro, al 26’ Gervinho mette a sedere mezza difesa e porge a Cornelius un assist che il danesone spreca calciando alto, e al 41’ è sempre Cornelius con un sinistro a pelo d’erba a far drizzare 1 capelli agli Interisti.

La rimonta

Nella ripresa il copione non cambia: Timer spinge tentando l’azione di aggiramento, il Parma aspetta, si chiude come una fisarmonica c poi all’Improvviso, sic allunga e vola In contropiede. Nello spazio di un minuto (dal 12’ al 13’) Kulusevski, dopo essersi liberato con troppa facilità di Godln con un semplice movimento verso Tlnterno del campo, piazza due botte di sinistro: nella prima occasione sfiora il palo, nella seconda Handanovlc si guadagna la pagnotta con un tuffo plastico. Intanto D’Aversa sostituisce Scozzarella che ha la lingua fuori per il tanto lavoro In copertura su Eriksen e inserisce Hemani: Il compito non cambia, a uomo sul danese. La partita sembra scivolare via tranquilla, con gli emiliani che sgommano In contropiede, ma poi d pensano De VriJ e Young a scrivere un’altra storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *