Intrattenimento

Pedro Almodovar chi è? Oscar, Carriera, Biografia e film

Nato il 25 settembre 1949 a Calzada de Calatrava, Ciudad Real (Spagna). Pedro Almodóvar Caballero è nato in un villaggio della Mancia chiamato Calzada de Calatrava ed è cresciuto in una famiglia di valori tradizionali.

Suo padre era il venditore di vino e olio Antonio Almodóvar e sua madre la casalinga Francisca Caballero. Nella sua infanzia si trasferì a Cáceres, dove studiò alla scuola salesiana.

In quel periodo inizia una devozione cinematografica che coltiva con costanza fin dall’adolescenza. Dalla fine degli anni ’60, Pedro Almodóvar ha vissuto a Madrid, dove ha lavorato come assistente amministrativo nella società Telefónica per tutti gli anni ’70.

In questo periodo ha diretto cortometraggi in Super 8, realizzando titoli come “Film Político” (1974), “Dos Putas, o Historia De Amor Que Termina En Boda” (1974) o “Sexo Va, Sexo Viene” (1977), prima di debuttare nel lungometraggio con “Folle… Maledetto… Fólleme, Tim” (1978), una commedia girata in Super 8 con Carmen Maura.

Due anni dopo esce in 16 mm “Pepi, Luci, Bom y Otras Chicas Del Montón” (1980), un film che definisce l’ambiente underground che lo circondava e un film che mostra la sua tendenza al protagonismo dei personaggi femminili, generalmente meglio costruiti e interessanti dei loro personaggi maschili.

Oltre alla sua sfaccettatura cinematografica, Pedro Almodóvar ha fatto parte della cosiddetta movida madrileno degli anni ’80 creando un duo musicale con McNamara, con il quale ha registrato canzoni come “Gran Ganga”, “Suck It To Me” o “Voy a Ser Mamá”, partecipando ad attività teatrali con il gruppo Los Goliardos e scrivendo storie per varie pubblicazioni, molte delle quali scritte sotto lo pseudonimo di Patty Diphusa.

“Laberinto De Pasiones” (1982), una farsa con Imanol Arias, Cecilia Roth e Helga Liné, lo ha accoppiato professionalmente per la prima volta con l’attore di Malaga Antonio Banderas.

Provocatori ed eleganti, influenzati da Luis Buñuel come da Alfred Hitchcock, Rainer Werner Fassbinder, John Waters o Douglas Sirk, i film di Pedro Almodóvar, incentrati su personaggi singolari, storie campali e apparenze kitsch che convergono attorno alle sue solite ossessioni sessuali, socioculturali e religiose, mostrano anche una prospettiva distintiva dei costumi e delle tradizioni spagnole, espandendo il proprio universo basato su vari generi, affrontando sia la commedia nera, il melodramma, il thriller o il dramma sociale, con luoghi per la satira, la farsa o l’esperpento.

Dopo “Entre Tinieblas” (1983), una delirante farsa religiosa, Almodóvar ha presentato in anteprima il suo primo film di entità con “Qué Ha Hecho Yo Para Marecer Esto?” (1985), una tragicommedia sociale con Carmen Maura che rifletteva le preoccupazioni della vita quotidiana di una casalinga.

Dopo aver girato “Matador” (1986), un thriller erotico con protagonista un torero in pensione che decide di cambiare il sangue dei tori per il sangue dei suoi amanti, Pedro ha formato con suo fratello Agustín la casa di produzione El Deseo, debuttando con uno dei suoi migliori film, “La Ley Del Deseo” (1987),storia appassionata e bizzarra basata su un triangolo gay interpretato da Eusebio Poncela, Antonio Banderas e Miguel Molina.

In “Mujeres Al Borde De Un Ataque De Nervios” (1988) Almodóvar temperò i suoi bordi più sessuali e creò una divertente farsa piena di personaggi curiosi. Il suo successo lo ha reso uno dei più importanti registi spagnoli a livello internazionale, ottenendo una nomination all’Oscar come miglior film in lingua straniera. Il film ha vinto il Goya per il miglior film spagnolo dell’anno.

In “Tie Me Up!” (1989),una storia di ossessione e dominio amoroso che entrambi bevono, consapevolmente o inconsciamente, da “Bus Stop” di Joshua Logan e “The Collector” di William Wyler, è stata la sua prima collaborazione da protagonista con Victoria Abril,che ha sostituito Carmen Maura per un certo periodo come attrice fetish del regista Manchego.“Tacones Lejanos” (1991), un film che ha vinto il premio francese César per il miglior film straniero, “Kika” (1993), “La Flor De Mi Secreto” (1995) o “Carne Trémula” (1995), adattamento di un libro di Ruth Rendell,erano titoli irregolari in cui Almodóvar ha dato libero sfogo alla sua passione per il melodramma e alla sua incisione nella commedia nera.

“Todo Sobre Mi Madre” (1999) è stata la sua consacrazione come autore, vincendo l’Oscar e il Golden Globe per il miglior film in lingua straniera, il miglior regista al Festival di Cannes, il miglior regista agli European Film Awards e sette premi Goya, tra cui miglior film e miglior regista.

“Talk to Her” (2002) ha confermato o addirittura superato il suo alto status internazionale come regista, ottenendo un Oscar come miglior sceneggiatore e una nomination come miglior regista.

In “La Mala Educación” (2004) ha creato un triangolo sessuale che ruotava attorno ai suoi ricordi in una scuola religiosa.
Il film è interpretato da Fele Martinez e dall’attore messicano Gael Garcia Bernal.

In “Volver” (2006) ha raccontato una storia femminile sul rapporto materno-filiale di Penélope Cruz e Carmen Maura.

“Los Abrazos Rotos” (2008),un film con Penélope Cruz, Blanca Portillo e Lluís Homar,si concentra sui ricordi traumatici di uno scrittore e sceneggiatore cieco dopo un incidente d’auto che lo ha portato a perdere l’amore della sua vita.

In “La Piel Que Habito” (2011),un film con Antonio Banderas ed Elena Anaya,è stato ispirato da un romanzo di Thierry Jonquet. In seguito è tornato alla commedia con “The Passenger Lovers” (2013) prima di riprendere il dramma, ispirato ad Alice Munro,in “Juliet” (2016).

Nel 2019 ha presentato in anteprima “Pain and Glory” (2019),un dramma dalle radici autobiografiche con Antonio Banderas che interpreta un regista in declino che ricorda la sua vita dalla sua infanzia. Quest’ultimo film ha vinto il Goya per il miglior film spagnolo dell’anno e Almodóvar il premio per la migliore regia e la migliore sceneggiatura originale.

“Pain and Glory” è stato finalista agli Academy Awards per il miglior film straniero.

Nel 2019 ha ricevuto anche il Leone d’Oro d’Onore alla Mostra del Cinema di Venezia.

Un anno dopo ha presentato in anteprima il cortometraggio “The Human Voice” (2020), interpretato da Tilda Swinton e basato su un testo di Jean Cocteau. Nel 2020 ha anche prodotto “Nieva En Benidorm” (2020),un film diretto da Isabel Coixet.

Nel 2021 ha pubblicato “Madres Paralelas” (2021),un film su due donne, Penélope Cruz e Milena Smit, che partoriscono lo stesso giorno.

Cosa prepara Pedro Almodóvar? Attualmente sta preparando il lungometraggio “Manual Para Mujeres De La Limpieza”, quest’ultimo un adattamento di un romanzo di Lucia Berlin.

Pedro Almodóvar è omosessuale. Il suo compagno, con cui ha una relazione dal 2002, è l’attore e fotografo Fernando Iglesias.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *