Bonus terme 2021: cos’è, chi ne ha diritto e come richiederlo

Sono tanti, anzi tantissimi i bonus presentati dal Governo in questi anni per cercare di aiutare le famiglie italiane, ma anche diversi settori particolarmente in crisi. Questi bonus sono arrivati per lo più in quest’ultimo anno, in seguito alla diffusione della pandemia da covid-19. Ad esempio, non tutti sanno che esiste un bonus terme 2021 pensato dal governo proprio per far ripartire i servizi termali che purtroppo in quest’ultimo anno sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia da covid.

Bonus Terme 2021, che cos’è

Sono stati messi a disposizione, dunque 53 milioni di euro per questo Bonus Terme. Quest’ultimo si pone quindi un obiettivo ovvero agevolare tutti quei cittadini che vorrebbero acquistare dei servizi termali accreditati e di conseguenza aiutare anche il settore che è piuttosto colpito dalla crisi. Questo nello specifico quanto stabilito dal decreto del ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Chi ne ha diritto

Tale bonus è rivolto a tutti i cittadini maggiorenni e residenti nel nostro paese. Non sono previsti limiti di ISEE e non ci sono limiti legati anche al nucleo familiare. Ogni cittadino quindi potrà usufruire soltanto di un bonus e quindi di uno sconto del 100% sul prezzo di acquisto dei servizi termali per un massimo di €200. Questo, quindi quanto precisato dal ministero dello sviluppo economico.
Va detto che questo bonus non potrà essere ceduto a terzi né tantomeno a titolo gratuito e nemmeno in cambio di un corrispettivo in denaro. Ma come richiederlo?

Questo tipo di bonus che come abbiamo già visto consiste in uno sconto del 100% sull’acquisto dei servizi termali prescelti, potrà essere richiesto in questo modo. Innanzitutto, esiste un elenco di tutti gli stabilimenti termali che sono accreditati e si trova direttamente sul sito internet del ministero e di Invitalia.

Come richiederlo

Ovviamente il cittadino interessato a questo tipo di bonus dovrà prenotare i servizi termali dopo aver scelto uno stabilimento termale presente nell’elenco. Quest’ultima alla fine dovrà poi rilasciare un attestato di prenotazione. Questo ha un termine di validità di circa 60 giorni dalla sua emissione. Una volta prenotato il servizio, questo dovrà essere usufruito entro il termine ovvero entro 60 giorni. Sarà di conseguenza l’ente termale stesso a richiedere il bonus a Invitalia. Il tutto attraverso l’apposita piattaforma informatica richiedendo quindi il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *