Dean Berta Vinales chi è il cugino di Maverick morto come Marco Simoncelli

Tragica notizia che arriva da Jerez. Dean Berta Viñales è morto all’età di 15 anni dopo un terribile incidente subito durante la gara Supersport 300 sul circuito di Ángel Nieto a Jerez. Il giovane pilota spagnolo non è riuscito a sopravvivere all’impatto che ha ricevuto dopo aver subito una caduta.

Viñales è caduto a tre giri dalla fine alla prima curva di Jerez ed è stato lasciato a terra. Sebbene abbia cercato di avvertire i suoi inseguitori, non sono riusciti a schivarlo, causando un incidente multiplo che si è concluso nel peggiore dei modi. Il motociclismo è ancora una volta in lutto.

La gara Supersport 300 è stata immediatamente interrotta con una bandiera rossa e pochi minuti dopo è stata annunciata la cancellazione di tutti gli eventi previsti a Jerez per oggi. In nessun momento ci sono state mostrate immagini o ripetizioni, ma ciò che era stato visto nella trasmissione in diretta ci ha invitato a pensare al peggio.

Viñales è stato curato nel mezzo della pista di Jerez dai servizi medici del circuito e poi è stato trasferito in elicottero all’ospedale, ma nulla poteva essere fatto per la vita del giovane pilota. L’intero Paddock del Campionato Mondiale Superbike è sconvolto dalla perdita di un pilota così giovane.

Dean Berta Viñales è cugino di Maverick Viñales e ha corso nel team di famiglia nella categoria Supersport 300 con una Yamaha R3. Recentemente sono stati molto in voga per la separazione di Viñales dal marchio Iwata, e ora sono arrivate le peggiori notizie possibili per la Coppa del Mondo e la famiglia.

In attesa di sapere cosa succederà con il resto del weekend, se le gare di sabato saranno recuperate o almeno le gare di domenica si giocheranno, da Motorpasión Moto non possiamo che aggiungere al dolore dell’intero paddock Superbike, del mondo del motociclismo e soprattutto della famiglia Viñales. Riposa in pace, Dean Berta Viñales.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *