Intrattenimento

Franca Leosini torna a parlare dell’omicidio di Carlo Mazza e della dark lady Katharina Miroslawa

Franca leosini dopo tanti anni nel corso di una puntata del suo programma Che fine ha fatto Baby Jane? Sembra abbia voluto ritornare sulla storia della Dark Lady Katharina Miroslawa. Quest’ultima venne condannata a 20 anni di carcere per l’omicidio del ricco amante ovvero Carlo Mazza. Di questo se ne parlerà quindi nel corso della puntata del programma condotto da Franca leosini dove verrà raccontata la vita fuori dal carcere di alcuni detenuti tra cui proprio l’ex Lady Dark.

Leggi Anche  Franca Leosini: chi è, età, carriera, vita privata, marito, figli

Franca Leosini torna a parlare del caso di Carlo Mazza

Protagonista della puntata di Che fine ha fatto Baby Jane sarà proprio lei Katharina Miroslawa l’ex ballerina e spogliarellista polacca che nel lontano 1992 è stata condannata per l’omicidio del suo amante. Quest’ultimo era l’affascinante imprenditore Emiliano Carlo Mazza il quale è stato ritrovato il 9 febbraio del 1996 e freddato con due colpi di pistola.

Leggi Anche  Massimo Leosini: chi è il marito di Franca, età, carriera, vita privata, figlie

All’epoca Katharina aveva semplicemente 25 anni e arrivava a Parma dalla Polonia piena di grandi speranze. Era già sposata ed aveva un figlio. Pare che all’interno di un locale avesse conosciuto proprio il cinquantenne dirigente di una fabbrica di acciaio sposato e con dei figli adolescenti. Tra i due sarebbe nata una grande passione travolgente. L’uomo avrebbe messo a disposizione della donna un appartamento e due milioni di lire al mese per tenerla lontana dagli occhi indiscreti. Il suo cadavere venne trovato all’interno di un’auto e successivamente venne ritrovata una polizza sulla vita di un ben un miliardo con destinatari proprio lei Caterina.

Leggi Anche  Franca Leosini: chi è la nota conduttrice di Storie maledette, età, carriera, vita privata, marito

Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *