Intrattenimento

Paola Perego e Simona Ventura, sono tornate in tv con una conduzione in comune dimostrando di essere sempre delle numero 1

Paola Perego e Simona Ventura: una coppia professionale inedita ma azzeccatissima! Le due “signore della televisione” sono, infatti, dallo scorso 3 ottobre al timone di “Citofonare Rai 2”, in onda tutte le domeniche dalle ore 11 alle 13 e se la cavano davvero bene, come è normale che sia vista la lunga esperienza in tv.

I dubbi c’erano sulle loro differenze visto che Paola e Simona hanno dei caratteri diversi. Effervescente e vulcanica la Ventura, pacata ed elegante la Perego, ma con la loro esperienza “Citofonare Rai 2” ha preso subito la strada giusta.

Le due presentatrici sono in grandissima sintonia: «Abbiamo tante cose in comune: siamo entrambe del segno dell’Ariete, siamo persone leali, dirette. – ha detto la Perego a “Chi” – Televisivamente siamo diverse, per questo siamo “la strana coppia”». L’idea di creare questo nuovo programma e di condurlo in coppia con la notissima collega è venuta alla moglie del manager Lucio Presta: «Mi sono detta: “Perché dovrei condurre con un uomo e non con una donna, visto che con Simona mi diverto così tanto? Pensa che figata fare un programma dove ti diverti e vai contro gli schemi” », ha detto la Perego che quando ha proposto l’idea ha subito trovato entusiasmo da tutte le parti in causa.

Di sicuro a “Citofonare Rai 2” trionfa la semplicità e i modi franchi e diretti delle sue presentatrici: «Se c’è una cosa che non ci manca è la schiettezza. Che è un’arma a doppio taglio», ha dichiarato la Perego. Un’altra cosa che lei e la Ventura hanno in comune è l’aver presentato entrambe un reality di gran successo, la Ventura “L’Isola dei Famosi” e la Perego “La Talpa”, un’esperienza che per Paola è risultata decisamente positiva: «La rifarei di corsa, assolutamente.

Anzi, se la facesse un altro, sarebbe come se mi strappassero un figlio. Poi non dipende da me, liberi di scegliere». Nelle intenzioni delle due protagoniste, “Citofonare Rai 2” mostrerà anche al mondo che le donne possono essere solidali tra di loro ed anzi, debbono esserlo per procedere al meglio nella vita professionale. Non a caso la Perego ha voluto spendere qualche parola anche a favore di Paola Ferrari, la giornalista sportiva che ha dichiarato di volersi ritirare perché non è più una ragazzina: «Ma quale vecchia! E allora l’esperienza non conta più nulla? Pensi a Pippo Baudo, a Maurizio Costanzo, che sono eccezionali. – ha dichiarato la Perego – Perché si parla di vecchiaia solo con le donne?».

Al di là dei successi professionali, Paola non ha mai avuto nessun problema nel nascondere le sue difficoltà nella vita privata, delle quali ha parlato nel libro “Dietro le Quinte delle mie Paure”, pubblicato nel 2020: «Quando hai gli attacchi di panico ti vergogni, non lo dici neanche agli amici. Finché ne soffri, pensi di avere una debolezza da nascondere, ma, quando ne vieni fuori, vuoi dare forza e fiducia a chi ne soffre». Di sicuro lei ha sofferto per superare dei periodo molto duri: «Ero fredda, lavoravo sotto effetto dei farmaci, altrimenti non sarei uscita di casa. Soffrivo tantissimo, ero un fiume di emozioni. Avrei voluto che gli altri vedessero oltre, ma era impossibile perché facevo di tutto per nascondermi».

Quello che contraddistingue la conduttrice moglie di Lucio Presta (e madre di Giulia e Riccardo avuti da una precedente relazione con l’ex calciatore Andrea Carnevale) è la voglia di comunicare con il pubblico con il garbo che la contraddistingue ma anche con tanta lealtà. «Sono timida, non ho mai sentito la necessità di emergere o di venire prima degli altri, ma oggi non ho più una maschera, ho un modo di condurre che è un modo di essere… Non sono così misurata, sono pensiero e azione. Le persone che dicono quello che pensano vanno ascoltate anche se dicono cose forti, basta con questo perbenismo! E poi ho capito che, se non dico quello che sento, sto male».


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *